Donne: il sesso? No, grazie. Ma...

Secondo un sondaggio le donne possono arrivare fino a due anni di astinenza da rapporti sessuali. Ma le conseguenze possono essere anche "gravi"

Credits: Getty Images/JOHN MACDOUGALL

Eleonora Lorusso

-

Si dice che un uomo pensi al sesso il doppio di una donna, arrivando ad avere fantasie erotiche 19 volte al giorno di media, contro le "sole" 10 delle donne. Ma non si tratterebbe dell'unica differenza tra i due sessi in materia: secondo un recente sondaggio, infatti, le donne sarebbero più propense anche all'astinenza da sesso, arrivando anche a stare due anni senza alcun tipo di rapporto.

A dirlo è la rivista tedesca Bild che ha pubblicato i risultati di un sondaggio commissionato da un'altro magazine, il femminile Petra, sulle abitudini del gentil sesso sotto le lenzuola. Ad essere prese in esame sono state oltre 1.000 donne tra i 29 e i 39 anni. Quello che emerge è che il 27% delle intervistate ha affermato di aver "resistito" senza sesso sei mesi, ma soprattutto che la percentuale cresce con l'aumentare del tempo di astinenza: ben il 41% delle donne è rimasto in astinenza per un anno, mentre il 58% ha affermato di poterne fare tranquillamente a meno.

Quello che le donne maggiormente non sopportano, sempre secondo il sondaggio, è il cosiddetto sesso "fast food", ovvero frettoloso e senza trasporto. Una donna su tre, comunque, riesce a fare a meno di rapporti per ben due anni. Tutto qui? Non proprio, perchè se è vero che i dati sembrerebbero sancire una differenza importante tra uomini e donne nell'approccio al sesso, è anche vero che questa astinenza, sbandierata dalle donne, non sembra essere senza conseguenze.

Secondo il sondaggio, infatti, già dopo tre mesi senza sesso il 14% delle donne si dimostra irrequieto, mentre dopo sei mesi di parla già di "stress da astinenza". E quando si arriva a un anno senza rapporti? La risposta è spietata: le donne si sentono disperate. Se questi dati fossero dimostrati scientificamente, certo gli uomini avrebbero di che consolarsi. I geni e le differenze biologiche, però, sembrerebbero non essere il vero motivo del diverso approccio all'erotismo e affini.

Secondo una ricerca dell'Ohio State University (Usa), infatti, i pensieri relativi al sesso e la loro frequenza dipendono dal fatto di sentirsi a proprio agio con l'erotismo e tutto ciò che gli gira intorno. Secondo gli autori dello studio americano, comunque, nessun uomo arriva a pensare al sesso 1 volta ogni 7 secondi, come invece sosteneva un altro studio ; così come nessuna donna arriva a fine giornata senza averci neppure pensato. Gli uomini, dunque, possono stare tranquilli (e forse contribuire a che i pensieri si traducano in realtà).

© Riproduzione Riservata

Commenti