Se anche George Clooney lascia Como per il Garda

di Silvia Frau

Goethe e con lui la crème della letteratura ottocentesca, primi testimonial «folgorati dallo splendido spettacolo del luogo», spazzati via, sui dépliant turistici, da calciatori del Bayern Monaco e star da copertina? È il paradosso del Lago di Garda: così di moda da superare per fama l’eterno rivale comasco, e al tempo stesso a rischio di perdere identità e persino un po’ d’anima. Qui, in questi giorni, si parla poco di Goethe e molto di Pep Guardiola, allenatore della squadra tedesca, che ha portato i suoi in ritiro a Riva, e di George Clooney e Sebastian Vettel, pare interessati a rilevanti operazioni immobiliari. D’altronde, se si parla con chi vende case, ci si sente dire che il momento, nel settore del lusso, è molto positivo. E, se ci si guarda un po’ in giro, si nota l’avanzamento lavori nel nuovo resort Villa Eden, firmato da archistar come Matteo Thun, David Chipperfield e Richard Meier, sopra Gardone Riviera. Insomma, il Lago di Garda nell’estate 2013 abbandona le malinconie e diventa così gaudente da sembrare pop.

I tedeschi sono sempre i primi: lo furono nell’arrivare e lo rimangono in termini di presenze. Seguono svizzeri, austriaci e inglesi. Ma gli immobiliaristi raccontano di esplorazioni in ville molto esclusive per i vip e per il mercato russo. Una nicchia che alimenta altri gossip, come quelli intorno a uno dei soci di maggioranza della Gazprom che ha comprato, per 28 milioni (più 15 di ristrutturazione), una casa tra SirmioneDesenzano.

La zona più elitaria in effetti comincia qui. La penisola, celebre per le Grotte di Catullo e un tempo per la presenza di Maria Callas, è presa d’assalto per le terme, anche in versione modaiola con day spa e happy hour nel giardino a lago di Aquaria (Termedisirmione.com). Si sorpassa la zona di Desenzano, più caotica e discotecara (vedi Cocobeach, Cocobeachclub.com, nella vicina Lonato del Garda con dj set sulla spiaggia) per immergersi nella natura morbida delle colline della Valtenesi. Ed è proprio Valténesi la nuova denominazione delle eleganti bottiglie vinificate rosé di cui l’azienda Costaripa (Costaripa.it), con il suo CostaMara, rappresenta l’eccellenza.

Il microclima rende il Garda celebre anche per l’olio, da comprare nell’azienda di Ugo Caldera (Oleariacaldera.com) e da Comincioli (Comincioli.it), vincitore di premi internazionali e conosciuto anche per il vino Groppello. Una sosta per il pranzo è rigorosamente a base di pesce sulla terrazza a lago del Porto a Moniga (Trattoriaporto.it) o, raggiungendo Salò, al Benaco (Benacohotel.com), dove si può anche dormire. Il giovedì, sul lungolago, c’è l’aperitivo con musica, ma se si preferisce una serata tranquilla meglio il giardino pied dans l’eau della vicina Darsena (Ladarsena.biz), o dopocena fare notte a La Torre San Marco (Torresanmarco.it) di Gardone Riviera. Oggi american bar e discoteca, era un tempo approdo a uso di Gabriele D’Annunzio, di cui quest’anno ricorrono i 150 anni dalla nascita.

A memoria del poeta rimane soprattutto la cittadella il Vittoriale degli italiani nella parte alta del paese, mentre a lago la passeggiata ha una atmosfera old fashion (forse l’ultima occasione per vederla in tale veste, prima del restyling a cura di Paolo Burgi). Lo showbiz frequenta il ristorante Villa Fiordaliso (Villafiordaliso.it), ex dimora di Claretta Petacci, e il 5 stelle Villa del sogno (Villadelsogno.it), con suite dedicata al vate e la terrazza sul lago; oppure si ritempra dallo stress nella beauty farm Villa Paradiso (Villaparadiso.com) o nel nuovo 5 stelle Lefay resort (Lefayresorts.com), con spa. Novità: il ristorante con ottima cucina di carne del 4 stelle Bellariva (Bellarivagardone.com) e, per il dopocena, il Carta bianca, chiosco chic sulla spiaggia che precede Maderno. Da qui il paesaggio cambia, la strada prosegue lungo il lago fino ai porticcioli di Bogliaco, dove è possibile mangiare cucina di lago Al Marinaio (facebook.com/RistoranteTrattoriaAlMarinaioBb), o coccolarsi in barca. Poco più in là, a Gargnano, c’è il Grand hotel Villa Feltrinelli (Villafeltrinelli.com), dove risiedette Benito Mussolini, e il circolo vela che, il 7 settembre, organizza la Centomiglia (Centomiglia.it), con velisti da tutto il mondo.

A dispetto della popolarità dei personaggi dello star system arrivati o in arrivo qui, infatti, i miti sono altri. Lo è, più di tutti, il giovane australiano James Spithill, timoniere vincitore della Coppa America con Bmw Oracle Racing, habitué della zona. Perché conta il vento e la velocità, prima di tutto, si misura in nodi. 

Leggi Panorama on line

© Riproduzione Riservata

Commenti