Gettyimages
Società

Robbie Williams: "Sono un gay nel corpo di un etero"

La confessione choc arriva dalla popstar in persona

Gay nel corpo di un etero. La confessione choc arriva da Robbie Williams. L'ex Thake That idolo delle ragazzine ha spiegato al Sydney Telegraph di sentire di avere un atteggiamento che viene percepito come ambiguo agli occhi degli altri.

"La storia - ha spiegato la pop star - è piena di casi di uomini gay che fanno finta di essere etero. Io però sono un etero che finge di essere gay. A noi britannici viene normale avere atteggiamenti ambigui".

Un'ambiguità ironica sulla quale Robbie, che è padre di una bella bimba chiamata Theodora, scherza dicendo che anche John Travolta - sul quale il sospetto di un'omosessualità latente serpeggia da sempre nell'ambiente - ha una figlia.

Quello di Robbie, però, pare essere più un gioco che altro visto che nel mirino non ci sono i suoi gusti sessuali quanto piuttosto i diversi atteggiamenti comportamentali dei maschi nelle varie parti del mondo. Secondo quanto sostiene il cantante, infatti, un uomo inglese e un uomo, ad esempio, americano, si comportano in maniera diversa e il britannico può essere percepito come più effemminato dell'americano. E' quanto sostiene anche la moglie di Robbie, l'attrice statunitense Ayda Field, che più di una volta ha parlato dell'ambiguità del marito come di una peculiarità dei maschi inglesi che lei per prima ritiene essere molto diversi dagli americani.

"Quando mia moglie è venuta per la prima volta in Inghilterra - ha detto Williams -  vedevamo la TV insieme e mi diceva 'Beh, lui è gay' e io le rispondevo 'No, è inglese'".

Cosa ne penserebbero, ad esempio, gli inglesi David Beckham, Hugh Grant o Christian Bale che sul loro machismo hanno costruito carriera e celebrità?

Ti potrebbe piacere anche

I più letti