Società

Rivoluzione al "The Sun": addio ai topless su "Page 3"

Le tradizionali donnine nude potrebbero rimanere appannaggio della Rete per essere sostituire da pudiche colleghe vestite per la versione cartacea

Se ne parla da anni, ma questa potrebbe essere la volta buona. La mitica donnina in topless che ha reso celebre la "Page 3" di The Sun potrebbe rimettersi il reggiseno.

E' dal 2012 che Rupert Murdoch si pone l'amletico dubbio "Topless o non topless?" ma, vendite alla mano, il decoltè di giovani modelle inglesi dalla prosperosa bellezza è sempre stato presente (da 44 anni in qua) nonostante l'ira delle femministe che accusano il Sun di commerciare, vendere e trattare il corpo delle donne un tanto al chilo.

Ora, però, la notizia del pensionamento del topless è stata rilanciata dal Times (sempre della scuderia Murdoch) secondo il quale il numero del tabloid uscito lo scorso venerdì sarebbe stato l'ultimo con i seni a vista. Le ragazze dalle forme prosperose rimarrebbero, così dice il Times, un tratto distintivo del Sun, ma il loro corpo verrebbe pudicamente coperto da abiti sexy.

Il nudo, però, non scomparirebbe del tutto, anzi, troverebbe nel web la sua casa d'adozione. Il sito del tabloid vanta, infatti, un canale dedicato che si chiama, appunto, Page 3, sul quale è possibile cliccare bellezze in topless a volontà.

Per ora al Sun hanno minimizzato l'indiscrezione, sostenendo che "Non è ancora stata presa una decisione in un senso o nell'altro", ma una prima "vestizione" è comunque andata in stampa. Nè lunedì, nè martedì la versione cartacea del giornale regalava i tradizionali topless.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti