5 comandamenti per un Capodanno da pantofolaio
Thinkstock
5 comandamenti per un Capodanno da pantofolaio
Società

5 comandamenti per un Capodanno da pantofolaio

Vademecum con i consigli indispensabili per mettersi in salvo dall’incubo del 31 dicembre

Thinkstock

Se alla domanda ‘Cosa fai a Capodanno?’ vi sentite sullo strapiombo di una voragine infernale, non pensate di essere soli. Là fuori ci sono folte schiere di persone che vorrebbero saltare il 31 dicembre a pie’ pari per ritrovarsi immediatamente al primo gennaio dell’anno nuovo.

Lasciate stare cene a base di lenticchie e cappone (vi escono dagli occhi), e provate a seguire i cinque comandamenti per un Capodanno da pantofolai: serenità assicurata, e nessun danno al portafoglio.

1. Addormentarsi prima della mezzanotte

Thinkstock

Non c’è nulla di più semplice che fare finta che non sia Capodanno. Approfittate dell’occasione per mettervi sotto le coperte presto, prima di mezzanotte. Duplice vantaggio: vi farete una bella dormita e, soprattutto, eviterete tutte quelle formalità odiose del veglione (brindisi forzati, conti alla rovescia, indigestioni, ecc.).

2. Spegnere il telefono (e tutti i device connessi)

Thinkstock

Isolamento è la parola chiave. Sconnettetevi da internet e risparmierete quella mitragliata di messaggi, selfie urticanti di gente vestita di rosso, e post sui social dove tutti augurano la stessa cosa. Respirate profondamente e ignorate il mondo che si affaccenda fuori da casa vostra. È un esercizio zen, funziona.

3. Giocare a Risiko con i propri simili

Thinkstock

Se comunque siete dei tipi socievoli e la solitudine vi spaventa, potete sempre invitare un paio di amici capodannofobici (massimo quattro, oppure sembrerà una festa), per una tranquilla partita a Risiko. Sarà l’occasione più indicata per ribadire i buoni propositi per l’anno nuovo: conquistare il mondo.

4. Inventarsi una malattia contagiosa

Thinkstock

Vi mette in imbarazzo rifiutare la pioggia di inviti che state ricevendo da ogni dove per feste, cenoni e quant’altro? Datevi per malati, proprio come avete fatto quella volta col vostro capo. Nessuno (o quasi) sospetterà della vostra misantropia e sarete lasciati in pace.

5. Sistemare casa

Thinkstock

Dopo le visite di Natale la casa è sempre incasinata, sporca e ci sono probabilmente ancora avanzi di cibo che si aggirano per casa come zombie. Il Capodanno, epilogo delle feste (l’Epifania non conta), può essere un ottimo momento per mettere in ordine la vostra dolce dimora, spolverando e surgelando gli ultimi resti del cenone con un aspetto ancora mangiabile.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti