Barbara Massaro

-

Si chiama Valentina Sampaio, viene dal Brasile ed è una modella transgender. E' lei il volto che occupa la copertina del numero di marzo di Vogue Paris e la scelta del magazine non è passata inosservata tra chi grida allo scandalo e chi alla rivoluzione culturale.

Valentina è nata a Fortaleza 19 anni fa e secondo molti è lei la nuova Gisele Bundchen. Occhi verdi, capelli lunghi e labbra carnose viene cebrata oggi dalla rivista di moda per antonomasia che scrive: "Questo mese siamo orgogliosi di celebrare la bellezza transgender e quanto le modelle come Valentina stiano cambiando il mondo della moda distruggendo i pregiudizi".

Dopo le modelle curvy, lo stop al diktat dell'anoressia in passerella, lo sdoganamento delle over 40, le top model di colore e quelle dalla bellezza non convenzionale (androgine, con la vitiligine, albine, etc) ora è tempo di dar spazio anche all'estetica trans.

Valentina, figlia di due pescatori, ha sempre avuto tratti molto femminili e, dall'età di 10 anni, ha smesso di considerarsi un bambino e ha iniziato a farsi chiamare con il suo nome attuale cominciando il lungo percorso di riappropriazione della propria natura che oggi viene consacrato dalla cover di Vogue (e prima da quella di Elle Brazil)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Dopo Miss, Mrs e Mr, ecco Mx: il titolo transgender

Il genere neutro potrà essere usato nei documenti ufficiali, come la patente, e presto potrebbe entrare nell'Oxford English Dictionary

Vladimir Luxuria: "Una transgender a Miss Italia? Magari già il prossimo anno"

L'ex onorevole sarà in giuria con Claudio Amendola e Joe Bastianich

Loiza Lamers è la prima top model transgender

La ragazza ha vinto l'edizione olandese del programma tv che cerca le modelle di domani

Obama, i bagni pubblici e i diritti degli studenti transgender

La Casa Bianca invia un messaggio alle scuole per invitare a rispettare le esigenze degli studenti, indipendentemente dal genere

E' morta Alexis Arquette, simbolo del mondo transgender | video

National Geographic: per la prima volta una transgender in copertina

Il nuovo numero, il primo del 2017, sarà dedicato all'identità di genere

Commenti