Barbara Massaro

-

Si parte dall'inno alla difesa della libertà lanciato da Jovanotti e dedicato a tutte le nostre figlie per arrivare all'appello accorato di Francesco Renga che parla delle donne come di coloro che donano la vita.

E' una sinfonia di #noallaviolenzasulledonne quella che circola oggi in Rete e che rimbalza da Twitter a Facebook fino a Instagram tramite gli account di artisti, cantanti, attori, personaggi tv e showgirl tra foto condivise, status solidali come quello di Luciana Littizzetto che scrive "Ragazze non siete da sole, non abbiate paura" video e striscioni.

C'è Fiorella Mannoia che scrive: "Non vittime, ma combattenti"; Gianna Nannini che condivide il video di Mai per amore e poi Luca Carboni che parla delle donne come di divinità, Simona Ventura che invita le vittime a rompere il silenzio e Laura Torrisi che sottolinea l'importanza di sapersi difendere.

Il 25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, dura 24 ore, ma il rispetto e l'amore devono esistere ogni attimo affinchè non ci sia più bisogno di hashtag per sottolineare quello che dovrebbe essere ovvio: no alla violenza.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Alessandra Amoroso: il suo live è contro la violenza

Ieri sera un prezioso sold-out per la data a Milano del suo “Vivere a Colori Tour”

Sanità: violenza su donne, in Stato-Regioni sblocco 31 mln

Contro la violenza sulle donne, la giornata in foto

Nel mondo, il 30 per cento delle vessazioni proviene dal partner. In Italia si contano 8.856 abusi nel 2016. E 116 femminicidi

Commenti