L'un contro l'altro armati in singolar tenzone Chef Rubio e J-Ax hanno condotto un duello all'ultimo tweet in nome di Fedez.

A lanciare il guanto di sfida è stato Rubio che si è permesso di fare una battuta circa le ultime dichiarazioni del rapper milanese.

Pistole e focacce

Fedez, infatti, aveva detto che da ragazzino girava con una pistola nello zainetto per proteggersi dai bulli. Lo chef più Unto e Bisunto della tv, che non ha mai amato Fedez, ha cinguettato: "Io nello zaino c’avevo la pizza bianca, mi madre non me dice quello che devo fa da circa 20 anni, e me vesto come me pare".

Secondo Rubio, infatti, il personaggio di Fedez sarebbe costruito a tavolino e dietro ci sarebbe l'attenta regia della madre manager del cantante che ne cura immagine e carriera.

Guai a chi tocca Fedez

A rispondere alle provocazioni, però, non è stato il diretto interessato, ma J-Ax, amico e socio del pulcino dalle uova d'oro della musica italiana.

LEGGI ANCHE: "Le Iene: lo scherzo di J-Ax a Fedez"

LEGGI ANCHE: "J-Ax e Fedez: "In Italia ci si può arricchire onestamente"

LEGGI ANCHE: "Fedez e J-Ax: che il sodalizio continui"

Il neo-padre J-Ax ha twittato: "E i c... tuoi nello zaino non li tenevi? Sparati. #bastabullismo su Fedez".

Gli schieramenti della Rete

A questo punto il terreno si è infiammato e a bordo campo sono scesi i sostenitori delle due fazioni tra chi sottolineava come le parole "Sparati" e "Basta bullismo" nella stessa frase fossero dissonanti e chi dava ragione allo zio.

Rubio, cui il sangue caldo non manca, non si è accontentato di una scrollata di spalle, ma ha a sua volta replicato asserendo: "Cucciolo mio perché usi a sproposito il termine bullismo? Ah dimenticavo che hai chi ti dice cosa dire"

E via con la risposta di J-Ax: "A zi ti chiami chef e manco sei uno chef. È come se Alba Parietti si facesse chiamare Al Naturale Parietti".

Il duello è andato avanti ancora per qualche minuto tra tweet e retweet con un livello d'insulti e frecciatine sempre più infimo finchè Rubio ha suonato di gong sottolineando come fosse ora di pranzo e il richiamo delle fame è stato più forte di quello della violenza verbale a misura di social network.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti