Barbara Massaro

-

Giacca blu, camicia azzurra e cravatta in nuance Lapo Elkann posa sorridente per la foto con cui ha deciso di congedarsi dai social network.

Dopo che il Tribunale di New York ha archiviato l'inchiesta per il presunto falso sequestro Lapo, ancora una volta, ha voltato pagina decidendo di ricominicare da se stesso.

LEGGI ANCHE: "Lapo Elkann tra scandali e bravate"

LEGGI ANCHE: "Lapo Elkann, c'era un terzo uomo a New York?"

Ai suoi 513.000 follower su Instagram e ai 350.000 ammiratori su Facebook Lapo ha scritto un breve messaggio di ringraziamento in cui dice: "Vorrei ringraziare tutti i follower del mio account - coloro che mi stimano, e (perché no) anche quelli che hanno espresso opinioni diverse che meritano comunque rispetto. Tutti assieme mi avete spronato a migliorare."

E poi prosegue: "Oggi, però, comincia una nuova fase per me - personale e professionale - e la vorrei vivere nella vita reale, 'offline', anziché in quella virtuale. Questo non vuole essere un addio, semmai un
arrivederci. Grazie a tutti di tutto, Lapo".

Da vero outsider precursore dei tempi Lapo ha capito che, in un periodo di overdose social, si nota più l'assenza di un personaggio sul network piuttosto che la sua sua presenza.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lapo Elkann e Shermine Sharhrivar, amore al capolinea

E' già finita la storia d'amore tra l'imprenditore e la modella

Lapo Elkann arrestato a New York per simulazione di sequestro

Lapo Elkann, il giorno della partenza per New York

Lapo Elkann tra scandali e bravate

Dall'ottobre del 2005 al finto sequestro di New York, le cadute e le risalite del rampollo di casa Agnelli

Lapo Elkann, c'era un terzo uomo a New York?

L'amico fotografo Max Scarfone sostiene che durante il festino ci fosse una terza persona in casa

Lapo Elkann è in Italia solo e malconcio

Dopo lo scandalo cocaina a New York il rampollo di casa Agnelli è ricomparso in pubblico ai funerali dell'amica Sozzani

Lapo Elkann: il procuratore di NY fa cadere le accuse e chiude il caso

L'imprenditore rischiava il carcere per simulazione di sequestro per aver chiesto 10 mila dollari di riscatto alla famiglia

Commenti