Lady Gaga, a 19 anni vittima di uno stupro

La pop star grazie alla canzone "Swine" si è liberata di un macigno che teneva nel cuore da troppo tempo

Tony Bennett and Lady Gaga "Cheek To Cheek" Taping - Red Carpet

Lady Gaga

Barbara Pepi

-

E' una canzone dura, violenta, che parla di stupro e nel cui video Lady Gaga appare strappata, disperata, sfigurata da quel dolore di corpo e anima che solo una violenza carnale può suscitare. Un pezzo, contenuto nell'album ArtPop che ha fatto discutere, ma dietro il quale c'è un racconto di vita della stessa Gaga. A confessare lo stupro subito all'età di 19 anni è stata Lady Germanotta durante una lunga intervista concessa in radio ad Howard Stern.

Incalzata sulle motivazioni che l'hanno spinta a comporre un brano come "Swine" Lady Gaga ha risposto: "Ho passato cose orribili di cui oggi posso ridere, ma solo perchè sono stata sottoposta a terapia mentale e fisica per poter guarire durante gli anni".

E ha poi aggiunto: "Ero in un guscio. Non ero me stessa. Per essere onesti, avevo 19 anni. Frequentavo la scuola cattolica e poi e' successo una cosa folle ed io ho pensato: 'Sono cosi' gli adulti?'. Ero molto ingenua".

L'uomo che l'ha violentata sarebbe un produttore musicale di vent'anni più grande di lei come ha spiegato la cantante nel corso dell'intervista fiume: "Lui aveva 20 anni più di me, io ero solo una ragazzina".

Per molto tempo la Lady del pop non ha avuto il coraggio di parlarne a nessuno: "Penso che mi avrebbe terrorizzato. Una volta lo vidi in un negozio e rimasi paralizzata dalla paura. Perchè è stato solo anni dopo che mi sono resa conto di quello che mi era capitato".

Ad un certo punto, anche grazie alla musica, ha deciso di affrontare questo fantasma così ingombrante: "Non lo dissi a nessuno, neanche a me stessa per lungo tempo. E poi mi sono detta: Sai cosa? Tutto questo bere e queste sciocchezze, devi andare alla fonte, altrimenti non andrà vià. Non andrà mai via'".

Adesso Lady Gaga sta bene e questo brutto trauma appartiene al passato, ma parlarne per aiutare altre vittime degli infami stupratori a venire a galla è sempre utile: per se stessi e per gli altri.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marketing: tutti a scuola da Lady Gaga

Ecco come l’artista definisce lo standard per la creazione di esperienze di marca memorabili

Lady Gaga a Milano: dopo ArtRAVE, io ti amo FOREVER

4 novembre 2014: la pop star regala 3 ore di grande musica

Commenti