Barbara Massaro

-

Si apre un nuovo capitolo nell'eterna guerra dei fratelli Muccino, da 8 anni estranei nati dallo stesso ventre. Dopo più di un anno di silenzio  

La scorsa settimana Gabriele aveva inviato una lettera aperta a Carla Vangelista, la compagna di Silvio accusata dal regista di essere la responsabile della rottura col fratello. "Con questa lettera - scriveva Gabriele - voglio chiedere scusa pubblicamente alla Signora Carla Vangelista a fronte di improprie esternazioni delle mie opinioni, nelle quali le attribuivo la responsabilità dell'allontanamento di Silvio da me e dalla mia famiglia. Ho avuto un fratello sparito da un giorno all'altro dalla mia vita ed è naturale che abbia distribuito responsabilità ad una persona che sapevo essergli vicina".

La replica non ha tardato ad arrivare e Silvio, superando il naturale riserbo, si è seduto sulla poltrona di Massimo Giletti e, nel corso de L'Arena, ha aperto il rubinetto della sua verità sulla questione. "E' molto difficile per me parlare della mia famiglia- ha esordito l'attore - L'ho amata profondamente, ma era costruita su dinamiche che mi facevano del male. Esistono due facce della nostra famiglia" ha poi spiegato aggiungendo: "La famiglia nella quale sono nato era disgregata. Il matrimonio dei miei genitori era alla deriva e il mio ruolo era fare da collante. Io sono arrivato per unire la famiglia. E mi si diceva sempre che dovevo essere grato perché mio padre rimasto con mia madre. Il malessere subito in famiglia è stato elaborato in maniera diversa fra me e mio fratello Gabriele. Lui l'ha portato fuori, anche con atteggiamenti fisici violenti".

A questo punto Silvio è entrato nel merito del matrimonio - finito - tra Gabriele e l'ex moglie Elena, violoncellista, a detta di Muccino Jr picchiata più volte anche con serie conseguenze per la salute. Ha affondato Silvio: "Lei spesso mi raccontava che lui veniva alle mani ed era violento e aggressivo. Ci sono stati ripetuti episodi di violenza domestica. Un'estate poi eravamo nella casa di campagna di Gabriele. Lui era innervosito e andò in camera da Elena. Quando mi avvicinai alla porta vidi lei uscire con una mano sull'orecchio e le lacrime agli occhi. Non sentiva più niente: uno schiaffo le aveva perforato un timpano e ha dovuto subire una timpano-plastica per riacquisirlo in parte".

Silvio ha poi taciuto l'episodio al giudice e ora ammette: "Sono stato indotto a mentire e ho negato questo schiaffo davanti ai pm. Ho reso falsa testimonianza. Era una mia responsabilità e scelsi la mia famiglia anzichè la verità. Non me lo sono mai perdonato"

Pare che con la signora poi Silvio si sia scusato e che sia avvenuto un perdono; lo stesso perdono che, però, nei confronti di Gabriele non ci potrà più essere. "Spero che questa mia apparizione qui oggi segni finalmente la parola fine. Perchè ho detto tutta la verità e la verità rende liberi".

E poi alla domanda del conduttore rispetto ad un possibile ritorno del sereno tra i fratelli Silvio conclude algido: "No, perchè questi otto anni di vita non me li ridarà nessuno. Perdonare significa lasciare andare. Ora gli chiedo di lasciarmi andare avanti con la mia vita".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gabriele Muccino, se non ora un’altra volta

Fosse una donna, Gabriele Muccino, le nuove femministe nostrane griderebbero allo scandalo. Da un po’ stanno tutti a sottolineare che è ingrassato, farebbero notare, quando invece bisognerebbe considerare prima di tutto il suo lavoro, foss’anche così brutto come dicono il …

Gabriele Muccino: 'Dirigere Jessica Biel e Uma Thurman? Facile e stimolante'

Così il regista di Quello che so sull'amore: "Ora mi piacerebbe lavorare con Anne Hathaway e Scarlett Johansson"

La guerra dei Muccino, ora Silvio attacca Gabriele

Lettere al vetriolo quelle che si sono virtualmente mandati i due fratelli del cinema italiano

La guerra dei Muccino, nuovo capitolo

Questa volta è Gabriele che twitta al fratello Silvio: "I tuoi occhi sono opachi" dice

Silvio Muccino: "Le parole di Gabriele mi violentano"

Ospite de "Le invasioni barbariche" l'attore è tornato sulla guerra a distanza col fratello maggiore

Perché difendo Gabriele Muccino

La querelle su Pasolini cineasta e un profilo Facebook bersagliato da insulti. Molto difficile confrontarsi civilmente e rispettare le idee degli altri

Commenti