Un colosso di Hollywood come Emma Thompson se lo può permettere. E' stata lei che nel 2008, sul set di Brideshead Revisited, ovvero Ritorno a Brideshead, ha puntato i piedi contro i folli standard estetici del cinema che vogliono attrici eternamente giovani e sempre più magre.

"O io o l'anoressia"

Intervistata dal talk show svedese Skavlan Emma ha ricordato l'episodio dicendo: "Nel film Brideshead Revisited c'era quest'attrice meravigliosa a cui un giorno i produttori dissero che doveva perdere peso, sebbene fosse assolutamente deliziosa così risposi loro che se li avessi sentiti chiederle di nuovo una cosa del genere, a qualunque livello, me ne sarei immediatamente andata dal film".

Il film uscì regolarmente in sala quindi l'episodio non deve essersi ripetuto, ma Lady Thompson è consapevole che la sua piccola rivoluzione è stata una goccia nell'oceano.

Standard estetici malati

Secondo il Premio Oscar lo star system, che sia il cinema o la moda, sta rovinando un'intera generazione di giovani donne che, semplicemente, non mangiano.

"Le case di moda francesi - ha aggiunto l'attrice cinquantasettenne - avevano detto che avrebbero chiuso le porte alle taglie zero e invece non solo non lo hanno fatto ma continuano ad usarle".

Pare infatti che la battaglia politically correct contro l'anoressia sia solo di facciata perchè in realtà gli standard non sono affatto cambiati.

Hollywood e l'anoressia

"Il problema dell'anoressia - ha chiosato - è che è il male terribile di Hollywood e va sempre peggio: ci sono così tante bambine, ragazze, ora persino ragazzi che ne soffrono e ci sono attrici di trent'anni già talmente magre che semplicemente non mangiano".

Lei per prima in passato è stata oggetto di critica per peso ed età, ma non si arriva a essere "Emma Thompson" senza aver dato le giuste scrollate di spalle. "A quel produttore americano che mi chiese di dimagrire io replicai 'Scusa, vuoi che io sia un'attrice o una modella?'"

Viva l'Europa

Anche per questo Emma ha deciso di restare in Europa guardando la follia hollywoodiana dalle sponde del Tamigi: "Ogni volta che devo andare a Los Angeles - ha concluso parlando con la tv svedese - penso 'Oddio, sono troppo grassa per andare lì' e la gente al mio arrivo mi dice 'Sei grassa e vecchia, tornatene a casa' . Los Angeles è davvero un posto molto strano, folle ed ostile e non potrei mai vivere lì".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti