Francesco Canino

-

È una vera e propria confessione social (nonché un pugno allo stomaco) la lettera aperta pubblicata nei giorni scorsi sul suo profilo Twitter da Evan Rachel Woods, l'attrice protagonista della serie cult Westworld - Dove tutto è concesso, nella quale interpreta Dolores Abernathy, che ha deciso di parlare apertamente ai suoi fan del capitolo più buio della sua vita. 

Evan Rachel Woods confessa di essere stata violentata
Non è solo una denuncia, ma anche una presa di posizione politica quella fatta da Evan Rachel Woods, che all'edizione americana della rivista Rolling Stone aveva raccontato di subito "abusi sessuali, psicologici e fisici" in giovane età. Poi, nei giorni scorsi, ha reso pubblica attraverso Twitter la mail inviata al giornale, nella quale rivela di essere stata stuprata due volte, la prima dal fidanzato di quando era adolescente e la seconda dal proprietario di un bar. L'attrice aggiunge poi un altro dettaglio molto intimo, svelando che le due violenze hanno avuto pesanti ripercussioni sulla sua psiche, tanto da portarla a tentare il suicidio all'età di 22 anni.

La lettera dell'attrice 
L'attrice, ex fidanzata del cantante Marilyn Manson ed ex moglie dell'attore Jamie Bel (da cui ha avuto un figlio) ha deciso di rendere pubblica la confessione fatta al giornale condividendola con i suoi fan tramite Twitter, perché "non voglio più tacere o vergognami, dopo averlo fatto per anni per paura di essere considerata solo in cerca di attenzione mediatica". E aggiunge: "Non volevo essere la protagonista di una storia strappalacrime e volevo essere fraintesa. Ma adesso credo che viviamo in un'epoca nella quale non possiamo più rimanere in silenzio. Io certamente non posso". 


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Stefano De Martino e la donna misteriosa: un nuovo amore per il ballerino?

Nelle ultime settimane, gossip scatenato intorno all'ex marito di Belén

Westworld: foto, trailer e cose da sapere sulla nuova serie HBO

Ispirata a un film di Michael Crichton, dretta da James Nolan e prodotta da J.J. Abrams, arriva su Sky la serie che mischia west, distopia e fantascienza

#NotOkay, le donne americane contro la cultura dello stupro

Sono più di 10 milioni i tweet di coloro che si sono aggiunte alla denuncia di Kelly Oxford contro il trumpismo machista imperante

Commenti