Barbara Massaro

-

Se Fiorello twitta: "Da domani tutte le buche di Roma si autotapperanno. Non ci sarà più traffico e sparirà il malaffare" e Alessando Gassman aggiunge: "Tutti contro uno non mi è mai piaciuto. Visto che non lo fa nessuno saluto Ignazio Marino" pare articolarsi di ora in ora la ragnatela di assenso-dissenso attorno al Simpleton romano Ignazio Marino, il sindaco capitolino dimissionario dopo le infinite polemiche legate alla sua amministrazione.

Numerosi i vip che nelle ultime settimane hanno alzato le barricate contro a Marino. Da Carlo Verdone che, ospite a Che tempo che fa, sosteneva di aver rotto un ennesimo paio di scarpe per colpa delle buche, fino allo chef Gianfranco Vissani che diceva: "Roma non è più gestibile, invasa da una marea di gente giorno e notte. Nelle periferie non esiste una vera rete fognaria. I furti si moltiplicano e le case assomigliano sempre più a bunker. Ed è sempre più difficile anche trovare luoghi in cui mangiare genuino, non taroccato". E poi ancora Rita Dalla Chiesa: "Malridotta così penso che non lo sia mai stata dai tempi di Nerone! Roma e i romani meriterebbero un trattamento migliore"; Pino Insegno: "Roma si sta perdendo, sta perdendo la propria anima, l’identità, la gente impazzisce, si sente sola, abbandonata... Basta guardarsi intorno" e lo stilista Renato Balestra: "Roma è indistruttibile, indipendentemente da come è trattata. È sopravvissuta ai barbari, volete che non sopravviva a Marino?"

Contro il moltiplicarsi della vendetta popolare nei confronti del capro espiatorio del momento, invece, scendono in campo, all'hashtag #marinoresisti la regista Simona Izzo: "Roma contiene tutto... E come si fa a gestirla? Da sempre sento parlare male del sindaco del momento. Per questo io ammiro chi ha il coraggio di salire al Campidoglio"; Gianni Morandi aggiunge: "Non si dimettono per mafia e tangenti, ma il PD vuole la testa di Marino per due cene" e Pippo Civati chiosa il tutto sostenendo - definitivo- :"Adesso che ha dimissionato Marino per il Pd è tutto a posto. E Roma brillerà e con lei la politica democratica. Che poi lui ne ha sbagliate di ogni, ma la storia è tutta al rovescio. Dispiace per Marino e per le sue incertezze, ma spero che questo episodio apra gli occhi a molte persone".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ignazio Marino assolto dall'accusa di truffa e peculato

La sentenza: "Il fatto non sussiste". La procura di Roma aveva chiesto all'ex sindaco la condanna e il comune 600mila euro per danno d'immagine

Ignazio Marino sindaco dimissionario: la storia in 30 foto

La parabola discendente del sindaco di Roma che ha tentato il tutto per tutto fino alla fine per non lasciare la poltrona

La lettera di Ignazio Marino ai romani per le sue dimissioni

L'ex sindaco scrive: "Non è un segnale di debolezza o un'ammissione di colpa... Sono vittima di un'aggressione arrivata al suo culmine"

Dimissioni di Ignazio Marino: videomessaggio

Commenti