Norvegia, assalto ai pannolini low cost

Prezzi bassi e comodità di trasporto. Ecco come funziona il traffico internazionale (legale) di pattelli per bebè

(Credits: Gettyimages)

Redazione

-

Norvegia: il Paese scandinavo è preso d'assalto perchè i pannolini per bambini costano poco. Un pacco da 50 arriva a un massimo di 30 corone pari a 4,10 euro: poco, pochissimo per il resto dell'Europa (Italia compresa).

E infatti dagli Stati vicini (ma neanche così tanto) cioè Lituania e Polonia organizzano dei veri raid per fare razzia di pannolini col fine di rivenderli (con un buon margine di guadagno) nel proprio Paese.

Niente di illegale, spiegano le autorità norvegesi, che però ammettono l'esistenza di un problema: gli scaffali vuoti non permettono ai clienti locali di rifornirsi e le scorte stanno finendo.

Dal canto loro gli stranieri hanno scoperto un business al quale non intendono rinunciare. Partono in macchina poi prendono il traghetto e fanno il pieno di pattelli per bebè.

Il direttore di una delle catene di supermercati più famose del Paese ha raccontato che un paio di settimane fa alcuni turisti sono stati fermati con qualcosa come 80.000 pannolini in macchina per un valore di 6.700 euro.

Le nuove frontiere dello spaccio (in questo caso del tutto legale) stanno assumendo contorni decisamenti inconsueti nella guerra dei poveri globale.

© Riproduzione Riservata

Commenti