Milano Fashion week, il diario del driver
Milano Fashion week, il diario del driver
Società

Milano Fashion week, il diario del driver

Domani si ricomincia. Le mie giornate scorreranno tra fotografi, giornalisti e modelle sempre di fretta

Di Fabrizio Prezzamà

E si ricomincia. Domani torno sulle strade di Milano per "scarrozzare" fotografi, giornalisti e modelle che vengono nella nostra città per assistere alle sfilate di moda. Ho già tutto pronto, anche se sono un ragazzo, sono ordinato, preciso e cerco di calcolare i tempi. Per un driver è fondamentale. Io vivo a Liscate con la mia famiglia. Domani devo fare un transfert-extra per un manager: devo portarlo a Malpensa, parte dall'hotel Verdi in Melchiorre Gioia alle 7.30. Mi alzo alle 6, doccia, barba, poi vado.

Mia madre mi ha stirato i completi e lucidato le scarpe. Ho deciso l'abito che mi metterò per ogni giorno. Sono già pronto, in pratica, 24 ore prima. E non ho per niente ansia. Il mio lavoro mi piace e non mi lamento del traffico, della gente, dello smog o del parcheggio.

Alle 11.30 sarò ancora a Malpensa perché devo "caricare" due giornaliste russe, poi con loro girerò fino a sera di quà e di là per le sfilate e per i party. Solita storia, vero, ma è pur sempre interessante, nonostante la fatica. Conosco persone, storie, carriere. Sono spettatore di vite poco ordinarie. Il driver è questo che piaccia o no.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti