Stress da vacanze... Prima di partire!

Secondo un'indagine, gli italiani sono già in ansia prima ancora di fare i bagagli. Ecco perché

Altro che stress da rientro: quest'anno gli italiani pare siano già in ansia prima di partire per le vacanze – Credits: Thinkstock.it

Eleonora Lorusso

-

Troppo stressati: gli italiani quest'anno sembrano in preda a crisi di ansia, tipiche del rientro dalle vacanze. Peccato che le ferie per molti non siano neppure iniziate. E la pazza (e piovosa) estate 2014 non c'entra, almeno per una volta. La "colpa" del troppo stress starebbe proprio nell'idea di partire. Un italiano su sette, infatti, nei giorni che precedono le meritate vacanze lavora di più, per lasciare in ordine l'ufficio e non doversi ritrovare lavoro arretrato, al rientro dal periodo di ferie. 

Insomma, prima ancora di fare i bagagli, in molti avrebbero già il pensiero del "dopo", del famigerato e temuto ritorno a casa e soprattutto in ufficio. Per questo tenderebbero a lavorare ancora di più. Solo l'8% di chi non è ancora partito ha rallentato il ritmo di lavoro. A dirlo sono i dati di un'indagine condotta da InfoJobs.it , specializzata nella ricerca e offerta di lavoro online. Il sondaggio ha fotografato una realtà ben diversa dalle classiche aspettative pre-ferie: solo il 18% della popolazione che lavora anche in queste settimane estive si concederebbe un abbigliamento più casual e qualche pausa extra ufficio. Per chi invece riuscirà a partire, smartphone e tablet saranno compagni fedeli delle vacanze (17%), insieme ad amici e famiglia. Ad impressionare è poi quel 60% di italiani intervistati che dichiara che non potrà "staccare la spina" neppure in questo periodo. 

A contribuire allo stress per molti c'è il fatto di non poter decidere autonomamente quando e quanto andare in vacanza: per la maggior parte dei lavoratori la scelta cade dall'alto, ovvero è imposta dall'azienda e così 6 italiani su 10 potranno lasciare l'ufficio solo in agosto (quando i prezzi sono più alti), mentre solo il 13% ha potuto godersi un po' di ferie tra giugno e luglio. Per il 73% le ferie dureranno due, massimo tre settimane, ma c'è anche chi si deve accontentare di una settimana soltanto (19%, che sale al 29% al Centro-Sud), mentre sono pochissimi coloro che potranno salutare amici e colleghi per un mese intero (6%).

Naturalmente, non è così per i "capi", che potrebbero contare sulla possibilità di scegliersi il periodo migliore per per partire, secondo il 57% degli intervistati, convinto comunque che le ferie di manager e direttori siano necessariamente più corte e non possano superare le due settimane consecutive.

Ma come combattere lo stress legato alle vacanze? Secondo il sondaggio di InfoJobs.it, i lavoratori italiani avrebbero adottato piccoli accorgimenti: se al Centro-Sud a dare "sollievo" al 47% degli intervistati è l'idea di tornare in ufficio con i colleghi, al Nord si cercherebbe di procastinare il più possibile la data di rientro!

© Riproduzione Riservata

Commenti