Barbara Massaro

-

"Non ci arrenderemo. Siamo di più quelli che vogliamo vivere in un mondo di pace, senza odio e dove rispetto e tolleranza siano la base della convivenza". Così scrive stamane Leo Messi sulla sua pagina Instagram unendosi al cordoglio mondiale per i fatti di Barcellona.

Il suo è solo uno tra le migliaia di messaggi che, da ogni angolo del globo, esprimono sdegno per l'ennesimo attentato che ha ferito al cuore l'Europa.

Il cordoglio social

Calciatori, cantanti, attori, musicisti, ma anche tantissima gente comune che stamane ha utilizzato i social network come fossero un'enorme piazza dove vincere con l'unione l'odio e l'intolleranza che fomentano le stragi. "Un grande abbraccio a Barcellona" scrive Antonio Banderas, "Che tristezza" aggiunge Penelope Cruz; "Mando amore e pace a Barcellona" twitta Jennifer Lopez, mentre il suo ex marito, Marc Anthony ha cambiato tutte le immagini dei suoi profili social con una schermata nera.

Tutti siamo la Spagna

E poi, ancora, ci sono i messaggi di Enrique Eglesias, Ricky Martin, Penelope Cruz ma anche i nostrani Laura Pausini, Raffaella Carrà, Eros Ramazzotti e Fedez che hanno scelto la Rete per esprimere solidarietà alle famiglie delle 13 vittime della strage e agli oltre 100 feriti caduti durante i maledetti seicento metri percorsi dal furgoncino bianco nel cuore della rambla di Barcellona

La catalana Vanessa Incontrada twitta: "Vergogna. La violenza va avanti. Non ho parole e sono terrorizzata. Il mio cuore è con voi nella mia città".

La squadra di calcio blaugrana è oggi listata a lutto e Miguel Bosè sintetizza il comune pensiero dicendo: "Un'altra barbarie, un'altra atrocità. Il mio pensiero a tutte le vittime e alle famiglie. Animali".

Per saperne di più:


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Attentati a Barcellona e Cambrils: chi sono le vittime

Sale a 16 il numero dei morti, il più piccolo ha solo 3 anni. Hanno perso la vita anche 2 italiani e un'italoargentina. L'ultima, una donna tedesca

Attentato di Barcellona: chi erano Bruno Gulotta e Luca Russo, le vittime italiane

35 anni e padre di due figli il primo, era in vacanza con la famiglia. Giovane ingegnere di 25 anni l'altro, era sulla Rambla con la fidanzata

Perché la Spagna? E perché proprio Barcellona?

Una delle più celebri strade del mondo, la "strada globale" per eccellenza, in Europa: bersaglio perfetto per colpire tutto l'Occidente

Barcellona, attentato terrorista sulla Rambla - FOTO e VIDEO

L'Isis rivendica l'attacco. 14 morti e oltre 100 feriti

Barcellona, chi c'è dietro l'attentato

Dietro l'attacco rivendicato dallo Stato Islamico, numerosi movimenti radicali molto attivi in Spagna

Attentato a Barcellona: la gente fugge dalla Ramblas nel panico

Commenti