Barbara Massaro

-

E' possibile trascorrere 45 giorni in Thailandia senza spostarsi dalla propria camera da letto? Secondo la giovane grafica Zilla Van Den Born sì. La ragazza, olandese, si è fatta accompagnare dai genitori in aeroporto, poi ha voltato i tacchi e, non vista, ha preso il primo treno per Amsterdam, dove, dotata di computer, ha messo in scena la sua vacanza.

La sua era una prova di quanto i confini tra reale e virtuale oggi come oggi siano labili e di come l'inganno sia facile e veloce. Bastano pochi clic e un buon programma di fotoritocco per inventarsi di sana pianta una vacanza nei paradisi tropicali.

Un bagno in piscina si trasforma così in un tuffo in fondo al mare, una vecchia foto in bikini con il giusto sfondo è una cartolina perfetta delle vacanze e perfino una visita in un tempio buddista è un'esperienza a portata di mouse.

Zilla, poi, ha aggiunto aggiornamenti dello status di Facebook, messaggini mandati agli amici tenendo conto del fuso orario tailandese e persino cartoline dalla vacanze. Un gioco perfettamente riuscito che la giovane creativa ha poi svelato via Facebook lasciando tutti a bocca aperta.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Quando non c'era Photoshop: 150 anni di fotoritocco

Oltre 200 immagini "ritoccate" e fotomontaggi d'epoca in mostra al Metropolitan Museum di New York

Se il brand dell’intimo mette al bando Photoshop

Per il lancio della sua nuova collezione di lingerie, American Eagle dice no al fotoritocco. Le giovani modelle appaiono per la prima volta con rughe, tatuaggi, piccole smagliature e altre imperfezioni al naturale

Photoshop alla cinese

Come la lampada di Aladino... Ritocca le foto ed esaudisce i desideri!

Commenti