Life

Single a 25 anni? Sei una "donna-avanzo"

In Cina un video a sostegno delle giovani donne nubili e contro il mercato del matrimoni

Single woman alone swinging on the beach and looking the other seat missing a boyfriend

Eleonora Lorusso

-

Sono giovani, spesso carine, ma single, una condizione che nella cultura tradizionale cinese viene considerato qualcosa di cui vergognarsi. Se in Italia una volta si usava il termine (spregiativo) di "zitella", sostituito dal più neutro single, in inglese c'è un termine, "leftover women", che sta diventando un vero incubo per le giovani cinesi senza marito né fidanzato: è la traduzione di "sheng nu", che indica le cosiddette "donne-avanzo".

In un Paese come la Cina, dove il 90% delle donne è sposato entro i 30 anni, rimanere single è visto come qualcosa di cui vergognarsi molto, anche perché sposarsi viene considerato uno dei più grandi segni di rispetto nei confronti della famiglia. D'altro canto, il ministero dell'Educazione ha inserito proprio il termine sheng nu tra i vocaboli ufficiali del dizionario nel 2007.


youtube

Un'immagine dei "mercati del matrimonio" a Shangai, tratto dal video-denuncia – Credits: Youtube.com/watch?v=irfd74z52Cw

Per supportare le giovani sheng nu, però, è stato realizzato un video, intitolato Marriage Market Takeover: in Cina, infatti, se una ragazza non trova marito presto e da sola, sono gli stessi genitori che si rivolgono ai cosiddetti "mercati del matrimonio". Si tratta di luoghi nei quali padri e madri forniscono ogni tipo di informazione sulla figlia nubile (età, altezza, titolo di studio e professione) per trovare loro marito.

Il filmato-documentario, realizzato da SK-II, noto brand di cosmetici giapponese, spiega questa pratica, ma racconta anche storie di giovani donne cinesi single, spesso costrette a chiedere "scusa" per il fatto di non essere ancora convolare a nozze. Il video è diventato virale nel giro di pochissimo tempo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ecco come i single stanno cambiando l'economia

Meno figli, meno case, meno spese, meno contributi, ma anche maggiore flessibilità sul lavoro e più apertura all’imprenditorialità

Commenti