Scoperta la "chiave" della felicità

I ricercatori hanno analizzato degli scritti del 1938 e non hanno dubbi: i social media rendono meno felici

Eleonora Lorusso

-
 

Per scoprire il segreto della felicità è sufficiente tornare al 1938: non perché in quell'anno si vivesse meglio di quanto non si faccia oggi, ma perché è proprio analizzando uno studio della fine degli anni '30 che oggi è stato possibile trovare la "chiave" della felicità. I ricercatori della Bolton University, non lontano da Manchester, hanno così focalizzato la propria attenzione su tre elementi, che sono alla base dello stare bene: la famiglia, l'aiuto agli altri e la "pace mentale" o appagamento. Ma questi da soli non bastano.

Le tre cose che rendono felici
Nel 1938 il quotidiano Bolton Evening News indisse un concorso per la miglior lettera che raccontasse cosa rende felici se stessi e gli altri. Analizzando le 226 missive giunte, gli esperti hanno ora capito che la gente del 21esimo secolo ha un approccio più passivo nei confronti della vita, perché passa molto tempo sui social media e su internet in generale. Questo, secondo i ricercatori, riduce il senso di appagamento della propria vita, perché non rende le persone attori in prima persona nelle scelte su come impiegare il proprio tempo libero. Da qui un primo importante suggerimento: dedicarsi di più a ciò che piace.

Un altro consiglio è poi quello di fare regolare attività fisica e dedicarsi all'aiuto degli altri. Secondo i ricercatori, anche la politica potrebbe aiutare la popolazione ad aumentare il proprio livello di felicità e soddisfazione nella vita, investendo in un maggior numero di biblioteche, centri di aggregazione e per attività sportive o nella natura; importante anche il supporto alle opere di volontariato.

Una delle tre cose che nel 1938 rendevano più felici e soddisfatte le persone, infatti, era dedicarsi agli altri. Quanto alle altre due, la famiglia rappresentava un ingrediente fondamentale: un matrimonio riuscito, dei figli felici e un posto dove sentirsi a casa costituivano elementi importanti per potersi godere la vita. Esisteva poi il concetto di "pace mentale" o appagamento, con il quale si intendeva qualcosa di più della ricerca del benessere materiale.

La "colpa" dei social media
I social media avrebbe un peso molto importante nel rendere più o meno felici: in particolare sarebbero la "causa" di un maggior individualismo tipico della società moderna. I contatti e le amicizie social sarebbero, infatti, una mera illusione, perché in realtà si vive in modo molto più solitario. Questo genere di vita social sarebbe poi "virtuale" che reale, più passiva che attiva.

Al contrario la soddisfazione e l'appagamento si possono ottenere solo quando si decidere in modo consapevole cosa si vuole fare nel proprio tempo libero. Questo aiuta a sentirsi più felici e la felicità non solo è un sentimento individuale, ma uno dei parametri che indica il progresso sociale e il successo delle politiche sociali, secondo il World Happiness Report 2017.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché i Paesi scandinavi sono i più felici del mondo

Hanno uno spirito comunitario molto sviluppato, ma anche politiche economiche che sostengono i lavoratori in fdifficoltà rendendoli più soddisfatti

La mappa dei paesi più felici al mondo

Ci sono anche quelli più infelici: l'Italia sta nel mezzo

Il segreto della felicità di coppia?

Sapersi divertire anche quando si sta insieme da anni

Commenti