Life

Professione "Coccolatrice": ecco il negozio che vende affetto

Un'ora di coccole per 50 euro. E' l'idea di una giovane imprenditrice americana

Schermata 11-2456982 alle 11.51.54

– Credits: www.cuddleuptome.com

Alzi la mano la persona alla quale non è mai capitato di avere un urgente bisogno di affetto, di un abbraccio o di una coccola. Non tutti, però, sono così fortunati da avere accanto la persona giusta disposta ad allargare le braccia ed accogliere il nostro grido di protezione. Da oggi, però, c'è la soluzione. Si chiama Cuddle Up to Me, si trova a Portland ed è il primo negozio di coccole al mondo.

Strapazzami di coccole

L'idea è venuta ad una giovane ed intraprendente ragazza, Samantha Hess, che in un momento buio della sua vita si è accorta di una cosa: per farla star bene le sarebbe bastata un'oretta di affetto, che però non aveva a disposizione. E così ha deciso di aprire questo particolare negozio. Nulla di erotico o con doppi fini: si tratta solo di un luogo dove si "vende" affetto a prezzo modico. Un'ora di coccole, infatti, costa circa 50 euro. Ci si sdraia sul letto e, si legge sul portale, "Arriviamo al livello di contatto umano che vogliamo o di cui abbiamo bisogno, per stare bene con noi stessi".

Professione "Coccolatrice"

Il progetto tanto bizzarro quanto vincente pare funzionare come ha spiegato la stessa Samantha "Ho ricevuto oltre 10.000 messaggi di posta elettronica in una settimana, ma l’azienda non è in alcun modo orientata ad un pubblico alla ricerca di esperienze erotiche".

Quella della "Coccolatrice" potrebbe rivalarsi la professione del futuro in una società sempre più virtuale ed emoticon addicted una sana dose di coccole è quello di cui ha bisogno per tornare ad umanizzarsi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Bellezza. Coccole anticrisi

Profumi che diventano beni rifugio, come i lingotti d’oro. Cosmetici sempre vendutissimi. E i trattamenti di bellezza delle spa dei grandi hotel che tengono, come una valuta forte in mezzo alla crisi finanziaria, arrivando addirittura a crescere nel segmento di mercato maschile

Commenti