"Fiero della mia città"; "Ne usciremo più forti di prima", "Bisogna essere i più forti quando si viene feriti". Sono alcuni dei commenti social che arrivano all'indomani degli attacchi di Londra in cui 4 persone sono morte e 36 sono rimaste ferite.

LEGGI ANCHE: "Londra, cosa sappiamo dell'attentatore"

LEGGI ANCHE: "Le vittime dell'attacco"

A scriverli sono stati nomi noti dal passaporto britannico del calibro di David Beckham, Mel B, Stella McCartney e la scrittrice J.K. Rowling, tra le prime a retwittare la notizia dell'attacco al Parlamento e al ponte di Westminster.

Accanto ai vip sono migliaia le persone comuni che non si vogliono arrendere alla logica del terrore e che oggi alzano la testa e ritornano alla frenetiva routine della city senza farsi scoraggiare.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Londra, l'eroe che ha tentato di salvare il poliziotto

Si chiama Tobias Ellwood e ha fatto di tutto per tenere in vita l'agente ucciso dall'attentatore a Westminster Bridge

Paura a Londra, città sospesa tra allerta e normalità apparente

Dopo l'attentato davanti al Parlamento, lo stato di allarme è circoscritto alla cittadella del potere sotto il Big Ben. Il sindaco Sadiq Khan: "I londinesi non si faranno intimidire dal terrorismo"

Attacco a Londra, Scotland Yard diffonde la foto di Massood

Carnagione scura, calvo e con la barba, come era apparso nelle immagini riprese durante i concitati secondi dell'attacco a Westminster

Londra, chi sono le vittime dell'attentato - FOTO e VIDEO

Il bilancio sale a 5 morti: oltre all'attentatore, un poliziotto, un'insegnante spagnola, un turista americano e un 75 enne

Attentato di Londra: cosa sappiamo finora - FOTO e VIDEO

La rivendicazione dell'Isis, le 5 vittime e i feriti, l'attentatore identificato: si chiarisce il quadro sull'attacco davanti al Parlamento

Commenti