Per molti il massimo della progettualità ingegneristica possibile per la biro Bic era quella di togliere la mina e trasformare la plastica in una cerbottana con cui fare scherzi in classe durante le lezioni.

Un gruppo di architetti francesi, però, è andato oltre e, unendo 12.843 penne, ha creato un lampadario futuristico che troneggia sul soffitto della stazione parigina di Saint - Lazare.

Il Bic Pavillon

Si tratta di un'installazione chiamata Bic Pavillon che tutti i giorni lascia col naso per aria e le bocche aperte i 450.000 viaggiatori che transitano da lì.

La struttura verrà ospitata dalle ferrovie francesi (SNCF) fino a fine maggio.

Il progetto era stato realizzato per un bando di gara ingegneristico e le oltre 12.000 Bic Cristal impiegate per la costruzione del lambadario sono tenute insieme da speciali connettori creati ad hoc per rispettare il criterio di flessibilità e trasparenza del modello. In questo modo la penna viene svuotata della sua funzione ed elevata a oggetto d'arte e creatività.

Le stazioni ferroviarie come luoghi d'arte

Ogni anno SNCF, che ha in gestione oltre 3.000 stazioni ferroviarie sul territorio francese, ospita presso le proprie strutture un centinaio di opere d'ingegno differenti a dimostrare che la stazione non è solo un Non-luogo di passaggio come la chiamava Marc Augé ma può fungere da connettore e da spazio d'elezione per esporre al maggior numero di persone possibili opere d'arte e di prestigio.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

A Roma "Intangibile", l'installazione di Alex Braga

All'inaugurazione tanti vip del calibro di Rudy Zerbi, Costanza Caracciolo e Garrison Rochelle

Cento donne nude contro Trump: l'installazione di Tunick a Cleveland

Il fotografo è tornato ad utilizzare il nudo di donna per lanciare un messaggio socio politico

Commenti