Verrà servita il prossimo sabato 16 luglio l'ultima cena al ristorante The Four Seasons di New York. Dopodichè un pezzo della storia del costume newyorkese con la sua piscina centrale e gli arredi d'arte e design andrà in pensione per sempre.

Tutta la New York che conta dal 1959 a oggi è passata da lì. Per 50 anni Four seasons ha fatto rima con lusso, classe e glamour da gourmet grazie al progetto dell'archietto Philip Johnson e alla famosa Pool Room, la sala con la piscina al centro.

Ci sono passati uomini politici come Donald e Ivana Trump; Henry Kissinger; JKF Kennedy con Marilyn Monroe (per il 45° compleanno del presidente, nel 1962), Bill Clinton; attori e registi (Nora Hefron, Marcello Mastroianni, Sofia Loren, Gwyneth Paltrow), tanti personaggi noti come Oscar de la Renta e Jackie Onassis 

Il pranzo al Four Seasons negli anni '70 era un vero must se si voleva farsi notare. Proprio lì è stato inventato il  concetto di power lunch, la colazione di lavoro per discutere di affari, politica, gossip.

Poi qualcosa è cambiato ed è iniziata la parabola discendente. La clientela è invecchiata e una serie di chef non all'altezza del compito hanno fatto crollare le quotazioni del locale. A questo va aggiunto lo scandalo a sfondo sessuale in cui era stato coinvolto uno dei due ultimi proprietari da vent’anni, l’italiano Julian Nicolini.

Così il proprietario del palazzo, Aby Rosen, ha dato lo sfratto e il 26 luglio tutti gli arredi – pezzi di moderno design – andranno all’asta.

Al suo posto, sulla 52a Strada East, nascerà presto un nuovo locale che porterà la firma di due chef trentenni italo-americani: Mario Carbone e Rich Torrisi. Nella città che non dorme mai The show must go on.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti