Life

Levi's e Google insieme per creare i jeans anti ciccia

Si tratta di pantaloni ultra tecnologici che ti avvertono se stai aumentando di peso

200238069-001

Barbara Massaro

-

Un tempo, proprio a volersi fare del male, si metteva all'interno del frigorifero un maialino di plastica che grugniva ogni volta lo sportello fosse stato aperto. Una sorta di monito kitch a mantenere la linea e a non mangiar "porcate".

L'evoluzione 2.0 del mailino da frigor è in fase si sviluppo. Si tratta di jeans "intelligenti" (o "suicidi", in caso di proprietari permalosi) che avvisano chi li indossa di un eventuale aumento di peso.

Il progetto si chiama Project Jacquard e ci stanno lavorando Google e Levi's insieme. Un'invenzione diabolica e geniale allo stesso tempo che, forse, però, dovrebbe essere venduta solo dietro prescrizione medica o reale necessità

Fanatiche del grammo di troppo, intransigenti aspiranti anoressiche e donne ostaggio del peso forma potrebbero trasformare questo jeans ultratecnologico in una forma di ossessione potenzialmente pericolosa.

L'altra faccia della medaglia però racconta di un'idea che potrebbe essere un sostegno per chi fa fatica a mantenere una dieta o a chi perde il controllo dell'ago della bilancia e se ne accorge troppo tardi.

Cosa succederebbe, però, se nel bel mezzo del pranzo di Natale lo smartphone iniziasse a suonare avvertendoti che stai ingrassando a vista d'occhio?I Jeans "che non si fanno i fatti loro" funzioneranno, infatti, in sincronia con lo smartphone. Vengono realizzati intessendo alla trama dei sensori in grado di registrare le variazioni di peso. In caso di "pericolo ciccia" il cellulare ci ammonirà invitandoci a fare più sport o ricordandoci una promozione nella palestra più vicina. 

Come riporta il quotidiano The Indipendent, Paul Dillinger, vice presidente del settore innovazione di Levi’s, ha spiegato che per il momento "Non si tratta di un lancio, ma di una piattaforma di produzione. Sarà un'opportunità per sviluppare nuove forme e applicazioni a cui non abbiamo ancora pensato. Il potenziale è dato dal fatto che gli input provengono dai gesti: incrociare le gambe, colpire qualcosa, sollevare dei pesi".

Per ora a dimostrarsi interessate sono state alcune aziende giapponesi che avrebbero definito sorprendenti i risultati delle prime sperimentazioni. Un'invenzione futuristica e molto suggestiva, ma, a conti fatti, chi vorrebbe avere un grillo parlante in denim attaccato alle cosce?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti