Vogue Uk
Life

La svolta femminista di Vogue UK

Il nuovo numero della rivista mette in copertina Adwoa Aboah, l'attivista fondatrice del progetto Gurls Talk

Belle donne sì, ma di spessore. Persone che abbiano qualcosa da dire e non solo da mostrare e che possano essere d'esempio e guida per altre donne.

La svolta di Vogue UK

Parte da questa premessa la svolta sociologica e femminista del nuovo corso della rivista Vogue Uk che, forte del nuovo direttore Edward Enninful segna il passo rispetto al passato e si reinventa portando in edicola una nuova idea di icona fashion.

Lo fa con una copertina rivoluzionaria, concessa alla modella meticcia attivista e femminista Adwoa Aboah, fondatrice del progetto Gurls Talk una piattaforma pensata dalle donne e per le donne con la missione di parlare apertamente alle ragazze di temi difficili come salute mentale, alimentazione, sesso e aspetto fisico. La foto realizzata dal fotografo Steven Meisel è una dichiarazione d'intenti che svecchia Vogue e lo trasforma in un magazine d'attualità e società.


 

Basta con i retaggi del passato

La vecchia gestione della rivista Condé Nast alla cui guida c'è stata per 25 anni Alexandra Shulman non era più contemporanea. La Shulman era, infatti, stata accusata di una gestione del tema "moda" vecchio e superato. La direttrice, ad esempio, non rispettava le diversità e iterava numero dopo numero lo stereotipo della bellezza british da copertina tanto patinata quanto decontestualizzata dalla sua contemporaneità. Dalla copertina con Naomi Campbell nel 2002 non c’era infatti più stata un'altra cover per una modella di colore fino al 2014.

La direzione Enninful sta già dimostrando che quell'auspicato cambio di rotta (che altrove è già una realtà) è in fieri. Del resto i tempi sono cambiati e il concetto di "moda" non può limitarsi agli abiti indossati in passerella, ma, per reggere al ruolo importante che la donna ha sempre più nella società, deve essere declinato in ambito sociale e culturale.

Un'asticella sempre più alta

Per esempio all'interno del numero di dicembre Naomi Campbell intervista il sindaco di Londra Sadiq Khan su temi quali razzismo e diverstità in Inghilterra. Il direttore Enninful, intervistato dall'Indipendent ha dichiarato che il nuovo Vogue vuole celebrare la talentuosa e diversificata creatività degli inglesi".

Alla BBC, Enninful, nato in Ghana ma residente a Londra, ha spiegato che "Il mio Vogue parlerà di diversità: donne differenti, diversi tipi di corpi e di bellezza. Razze diverse e soprattutto idee diverse".

Per saperne di più: 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti