Life

La storia Hilal, da bambino kamikaze a pasticcere

Per tre volte ha detto no al martirio per scappare verso il suo futuro

Hilal, da kamikaze bambino a pasticcere

Barbara Massaro

-

Aveva 12 anni Hilal quando nel cuore dell'Afghanistan occidentale si è trovato con una cintura d'esplosivo intorno alla vita: "Schiacci il pulsante, non senti nulla e ti sei conquistato il Paradiso" avevano detto degli uomini a questo ragazzino che non aveva più una casa, una famiglia, un posto dove stare e non sapeva cosa significasse la parola futuro.

Quel giorno, racconta oggi Hilal a La Stampa: "Ho iniziato a tremare. Pensavo che nel giro di cinque minuti sarei morto, sarebbe finito tutto, e non ce l'ho fatta".

Il no al martirio gli è costato violenze, soprusi e bruciature alle braccia. Altre due volte gli è stata data l'occasione di farsi esplodere nella guerra santa contro gli infedeli e per due volte Hilal ha preferito al Paradiso l'inferno in Terra. E per lui è stato proprio un inferno. Appena prima del terzo tentativo di trasformare il bambino in un kamikaze Hilal è riuscito a scappare, è corso per i monti dove è stato trovato da un uomo che non gli ha voluto dire come si chiamasse.

Il suo benefattore lo ha curato per tre mesi e poi il bimbo che aveva voglia di vivere ha ripreso la sua lunga strada verso la salvezza e di passaggio in passaggio è arrivato fino in Grecia e da lì, nascosto sotto ad un Tir, è riuscito ad entrare in Italia dove è stato accolto dalla casa famiglia L'approdo.

Hilal come minore non accompagnato ha inoltrato domanda d'asilo, gli hanno insegnato l'italiano e ha conosciuto persone che l'hanno aiutato a curare le sue ferite, quelle fuori, ma soprattutto quelle dentro.

L'associazione Luconlus, poi, gli ha pagato un corso di pasticceria e uno stage di tre mesi in una bottega. Salvatore Bono, il titolare della pasticceria, alla fine del tirocinio ha deciso di assumere il ragazzo con un contratto a tempo indeterminato.

Ora Hilal sogna di poter partecipare a gare di pasticceria e poi chissà, magari un giorno, poter aprire un locale suo nel quale dimostrare come la volontà, la passione e l'amore siano più forti di tutto il male del mondo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi era Hasna, la kamikaze di Saint Denis

Aveva 26 anni, nata in Francia e cugina della "mente" del gruppo. Fino a due anni faaveva una vita normale. Poi il silenzio

Istanbul, il kamikaze aveva presentato richiesta di asilo

Nabil Fadli, di nazionalità siriana, si era registrato all'ufficio immigrazione. Arrestato un complice, potrebbe essere una donna - FOTO e VIDEO

Isis, ecco la foto che celebra i kamikaze di Parigi

Il califfato diffonde sulla sua rivista online un collage con i 9 assassini degli attentati di novembre. I due mai identificati sarebbero iracheni

Commenti