Life

In Messico è stata aperta la prima casa di riposo per prostitute

Si tratta di una comunità dove le anziane donne possono ritrovare serenità e dignità

Barbara Massaro

-

Anche le prostitute invecchiano e, a un certo punto, persino per la meretrice più infaticabile arriva il tempo di tirare i remi in barca.

Proprio per le anziane professioniste del sesso a Città del Messico è nata Casa Xochiquetzal, una sorta di casa di riposo per donne che hanno dedicato la vita alla professione più antica del mondo.

Si tratta di una cooperativa di volontarie che hanno deciso di dare alloggio a donne che si ritrovano sole, senza tutele sanitarie e con uno scarso livello di consapevolezza dei propri diritti.

Proprio da qui si parte per riportare alla dignità le anziane prostitute che, per la prima volta nella loro vita, si trovano a condurre un'esistenza normale.

La struttura offre anche assistenza psicologica a persone spesso abusate per anni senza rendersene conto e aiuta queste donne a ritrovare il senso d'appartenenza e comunità.

A scovare la residenza per anziani sui generis è stato il Daily Mail che ha pubblicato diverse foto della casa di riposo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sesso, prostituzione e bordelli. Così funziona in Europa

Anche Londra pensa di criminalizzare i clienti dell'industria sessuale. Paese per Paese, il mercato Ue delle lucciole va dal certificato di sana e robusta costituzione in Grecia al carcere duro per gli sfruttatori in Romania

Sesso e prostituzione, ecco dove si guadagna di più

Atlanta, Miami e Seattle le città più redditizie per le squillo

Prostituzione, cosa dice la legge che riapre le case chiuse

Abolizione del reato di favoreggiamento, apertura di luoghi sicuri, iscrizione alla camera di commercio e versamento di imposte

Prostituzione: addio alla legge Merlin?

Tra quartieri a luci rosse e proposte di legge, anche in Italia si prova a legalizzare il mestiere più antico del mondo

Parigi, Museo d'Orsay, "Splendori e miserie", la mostra sulla prostituzione

Sciopero ed esposizione chiusa per una protesta sindacale contro l'apertura 7 giorni su 7, fino a nuovo ordine. Però promette bene

Commenti