Barbara Massaro

-

Dopo il no schiacciante pronunciato dal 67% dei lavoratori Alitalia circa l'accordo quinquennale firmato da sindacati e vertici aziendali per salvare la compagnia di bandiera il dibattito si è sposato sui social network.

Sono soprattutto Twitter e Instagram la cassa di risonanza degli umori della gente che oggi non perde occasione per mettersi da una parte o dall'altra della barricata.

LEGGI ANCHE: Alitalia, le conseguenze del No al referendum

LEGGI ANCHE: Alitalia: verso il nuovo piano industriale

Tra chi invoca il fallimento, chi sbotta con il solito "Basta" e chi si scopre politologo dell'ultima ora il popolo del web anima il dibattito che rimbalza sui social.

Sono anche tanti i lavoratori Alitalia che, all'indomani di un voto che con ogni probabilità, cambierà il loro futuro fanno il punto sulla situazione della compagnia tra esasperazione e orgoglio professionale

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Alitalia rinnova il programma Millemiglia: 5 novità

Tutti i posti a bordo saranno acquistabili con i punti. Abolito anche il pagamento cash per tasse e servizi

Alitalia, ecco perché il futuro è sempre più incerto

Il ministro Calenda attacca i vertici della compagnia, parlando di cattiva gestione, mentre il nuovo piano industriale ancora non c’è

Alitalia: verso il nuovo piano industriale

I sindacati firmano il preaccordo con riduzione degli esuberi. Restano i punti del piano: ritorno all'utile entro il 2019

Alitalia: le conseguenze del No al referendum

Il cda ha chiesto la procedura di commissariamento al Ministero dello Sviluppo Economico. Tre le strade: vendita, nuovi azionisti o fallimento

Commenti