book
Life

Il detenuto pedofilo vince il premio per la fiaba più bella

E' successo al concorso letterario nazionale per carcerati

Chissà che, a fine pena, la nuova vita di A.C. possa ripartire da qui.

Lui che è in prigione con la più infame delle accuse, quella di aver molestato, via internet, una ragazzina di 13 anni, ha vinto la prima edizione del premio letterario nazionale rivolto alle carceri. Il compito era quello di sottoporre alla giuria una fiaba per bambini e lui, pedofilo condannato, ha vinto. 

I giurati hanno scoperto l'identità e il passato del vincitore solo dopo aver letto decine di composizioni ed aver assegnato il premio alla migliore.

Lui, A.C., separato e padre di due figlie, ha dichiarato, imbarazzato: "Sì, è strano che uno come me abbia vinto questo concorso".

Nella nota biografica allegata alla fiaba A.C si definisce: "Vittima di un bruttissimo scivolone che la mia vita mi ha purtroppo riservato".

Parla di "Blackout" quando cita la pedofilia e sottolinea la sua volontà di riscattarsi magari proprio attraverso la letteratura.

La storia, che vede come protagonisti due fratelli, l'ha scritta pensando ai suoi figli e ha dichiarato: "Ho voluto parlare dei ricordi perché sono l'unica cosa che in questi anni terribili mi hanno tenuto in vita"

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti