Liberi. Gli elefanti asiatici ammaestrati che facevano parte del cast del circo Ringling Bros. and Barnum & Bailey, il maggiore degli Stati Uniti, passeranno il resto dei loro giorni in una riserva in Florida insieme ad una quarantina di altri esemplari.

Verranno studiati dagli oncologi per la loro resistenza al cancro e avranno il nobile ruolo di strumento di progresso invece di quello di fenomeno da baraccone.

Il "The late show" degli animali è andato in scena domenica sera a Providence quando i pachidermi hanno fatto il loro ingresso trionfale nell'arena del circo tenendosi proboscide con coda e sventolando la bandiera americana al suono dell'inno nazionale.

Quella di mandare in pensione gli elefanti e di eliminarli dagli show è una decisione storica presa dal Ringling Bros. and Barnum & Bailey sull'onda della spinta animalista di una fetta sempre maggiore di pubblico che accusa i circhi di sfruttare gli elefanti (e non solo) e di educarli a suon di bastone e ganci di ferro.

Ora gli 11 esemplari sono liberi, il riscatto di Dumbo è avvenuto e anche per gli elefanti del circo si è avverato il sogno americano.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I primi passi dell'elefantino

È nato da poche ore questo splendido cucciolo (probabilmente femmina) del parco Ramat Gan Safari di Tel Aviv (Israele)

La strage degli elefanti

100.000 esemplari uccisi dai bracconieri in Africa in 3 anni: le nascite non bastano più a compensare le morti

Commenti