Hogwarts esiste: in Polonia il primo college per aspiranti maghi

Si è divisi in casate, si mangia in sale comuni e si dorme in stanze che ricordano in tutto e per tutto quelle di Harry Potter

Schermata 12-2456997 alle 14.01.04

Un'immagine degli studenti di magia del college polacco – Credits: rollespilsakademiet.wix.com

Barbara Pepi

-

Si insegnano difesa dalle arti oscure, stregoneria, incantesimi e storia della magia. Proprio come ad Hogwarts, la scuola nata dalla penna di J.K.Rowlings e frequentata per 7 anni (e 8 libri) da Harry Potter e soci, è nata nel mondo "babbano" un autentico college di magia.

Si trova in Polonia e si chiama Czocha College of Witchcraft and Wizardry ed è al momento l'unica scuola di magia che si ispiri al mondo di Harry Potter e delle sue avventure.

Alla prima sessione, a novembre, si sono presentati in 200 e hanno frequentato le classi per 4 giorni alla modica cifra di 300 euro.

Non si tratta di un parco dei divertimenti, ma di una vera scuola con lezioni e crediti formativi. Si è divisi in varie squadre, proprio come nella Hogwarts originale, si pranza in stanze comuni e si dorme nelle tipiche camere del college di Harry Potter riprodotte con fedeltà.

Tutti i membri del college sono vestiti in costume da "maghi" e al termine di ogni corso si sostengono gli esami finali e, se si è idonei, si ottengono gli S.P.E.L.L.S (Senior Protective Enchanter's Lifelong License).

La prossima sezione si svolgerà ad aprile e, per chi lo desiderasse, sono aperte le iscrizioni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Harry Potter da record: 177mila euro per la prima edizione

Una speciale copia di ‘Harry Potter e la pietra filosofale’, appuntata e illustrata a mano da J.K. Rowling, è stata battuta per una cifra impressionante a un’asta di Sotheby’s

J.K. Rowling e la seconda vita del mondo di Harry Potter

L'universo incantato del maghetto di Hogwarts tornerà al cinema in un film tratto dal libro Gli animali fantastici: dove trovarli, sceneggiato dalla stessa scrittrice

Chi legge Harry Potter è meno razzista e più tollerante

E' il risultato di una ricerca italiana pubblicata dal Journal of Applied Social Psychology

Commenti