Rita Fenini

-

Da Nicole Kidman a Meryl Streep, passando per Penelope Cruz, Susan Sarandon e Oprah Winfrey, dress code rigorosamente nero per le star che hanno partecipato alla 75ª edizione dei Golden Globe, "anticamera" degli Oscar e primo grande evento hollywoodiano dopo lo scandalo che ha travolto il noto produttore Harvey Weinstein.

Volti noti (e meno noti) di cinema e tv hanno scelto di sfilare in nero sul tappeto rosso per protestare contro le molestie e le violenze sulle donne. Un segno e una richiesta di rispetto e solidarietà. Una presa di posizione decisa e netta contro i soprusi e gli abusi.

Nessuna defezione. Alla "cerimonia in nero" ha aderito, compatto, tutto l'universo femminile hollywoodiano.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Festival di Cannes 2018: Cate Blanchett presidente impegnata contro le molestie

Attrice raffinata e franca, è la risposta che il Festival dà agli scandali sessuali che hanno scosso il mondo del cinema

"Time's Up": la risposta di Hollywood alle molestie sul posto di lavoro

330 personalità del mondo dello spettacolo hanno aperto un fondo per difendere legalmente le vittime di abusi sessuali

Lo scandalo molestie sessuali arriva a Bollywood

Le attrici indiane iniziano a trovare il coraggio di denunciare abusi e soprusi sessuali radicati nella cultura cinematografica locale

Commenti