Life

Gli amici sono il più potente antidolorifico naturale al mondo

Essere circondati da persone buone e fidate permette di sopportare meglio il dolore, lo dice la scienza

Female friends. Image shot 2012. Exact date unknown.

Barbara Massaro

-

Una chiacchierata con l'amico del cuore, un'uscita in compagnia o una vacanza in gruppo: quel che conta è essere circondati da amici buoni e fidati. Sono loro, infatti, la nostra risorsa naturale primaria per combattere il dolore e affrontare i problemi della vita. A dirlo non è solo il buon senso, ma anche la scienza. L'ipotesi circolava da tempo ma la conferma sperimentale è arrivata solo adesso dal gruppo di studiosi coordinato da Katerina Johnson, dell'università britannica di Oxford, e pubblicata nella rivista Scientific Reports.

A un gruppo di volontari sono state chieste informazioni circa le relazioni sociali, il numero di amici e l'appagamento dal proprio status relazionale.

In seguito gli stessi sono stati sottoposti a un test di sopportazione del dolore fisico. Ebbene, senza alcun dubbio, è emerso che coloro che hanno più amici tollerano meglio il dolore.

Secondo gli studiosi questo dipende dal fatto che l'amicizia e la soddisfazione del non sentirsi soli al mondo libera endorfine, i cosiddetti ormoni del buonumore che permettono di fronteggiare meglio le insidie dell'esistenza. Parallelamente è emerso che le persone più sole e chiuse sono più soggette alla tristezza.

''I risultati – ha dichiarato la Johnson - sono interessanti anche perché una recente ricerca suggerisce che il circuito delle endorfine può essere interrotto nei disturbi come la depressione''

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

L'amicizia e la ricetta della felicità

Tanti amici a 20 anni, pochi (ma buoni) a 30 e la serenità è garantita

L'amicizia tra un uomo e un orso di 700 chili è possibile

'3000 modi per dire ti amo': amicizia, amore e teatro

Tre adolescenti tra amicizia, amore e teatro: il nuovo romanzo di Marie-Aude Murail

'Questa è la vera verità': amicizia, limiti e sfide in un romanzo per ragazzi

Una storia di un'incredibile forza emotiva, che invita a riflettere sui grandi interrogativi della vita

Commenti