Donne, 10 conquiste in pochi anni

Voto, aborto, divorzio: cosa non potevano fare le donne fino a pochi anni fa in Italia

Eleonora Lorusso

-
 

Molto più di una semplice "festa", anzi: secondo qualcuno è anche sbagliato parlare di "Festa della Donna", perché l'8 marzo si celebra la Giornata Internazionale della Donna, per ricordare le conquiste sociali delle donne, per riaffermare la lotta alle discriminazioni di genere e alle violenze alle quali le donne erano costrette in passato. La scelta dell'8 marzo si fa risalire a un terribile incendio, che sarebbe avvenuto nella fabbrica tessile Cotton di New York nel 1908, dove lavoravano centinaia di donne, molte delle quali rimasero uccise. In realtà quell'episodio viene confuso con un altro rogo, avvenuto in un'altra fabbrica tessile della città americana il 25 marzo del 1911, nel quale persero la vita 146 persone, tra le quali molte donne.

Ma il cammino fino all'8 marzo, come li "festeggia" oggi, è costituito da molte tappe e traguardi raggiunti dalle donne italiane. Ci sono diritti, infatti, ormai considerati acquisiti, che fino alla metà del secolo scorso non lo erano affatto, come quello di poter decidere di avere un figlio senza essere licenziata (lo prevedeva la legge); o quello di poter votare o abortire. Alle donne, poi, era preclusa la possibilità di entrare a far parte delle Forze Armate, della Polizia o persino di partecipare come atlete ad alcune discipline olimpiche. Ecco quali sono le 10 conquiste più recenti e importanti delle donne italiane.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

L'anti 8 marzo dei social network

In Rete la parola d'ordine per la festa della donna pare essere: basta luoghi comuni

Commenti