Life

Denunciata la santona che cura con le parolacce

Nonostante sia già stata radiata dall'albo dei medici Gabriella Mereu continua a esercitare la professione

La santona Gabriella Mereu

Barbara Massaro

-

Curare pazienti oncologici insultandoli con le più colorite tra le parolacce. E' la "terapia" inventata dal medico santone sardo Gabriella Mereu e che gli è costata la radiazione dall'albo. Nonostante la dottoressa non sia più tale e si definisca esperta in terapie olistiche la Mereu continua a esercitare la professione in quanto la sentenza d'appello è ancora pendente.

Una situazione intollerabile per l'Ordine dei Medici della Provincia di Torino che è tornato a denunciare la Mereu all'Autorità giudiziaria, al comando Carabinieri del Nas e alla Guardia di Finanza per abuso della credulità popolare e diffusione di notizie false, esagerate e tendenziose che creano allarme tra i cittadini.

Il Presidente dell'Ordine, il Dottor Giustetto, ha così motivato la nuova denuncia: "L'Ordine ribadisce che la divulgazione di queste pratiche senza base scientifica non può sostituire la medicina ufficiale: come stabilisce con chiarezza l'art. 15 del Codice di Deontologia Medica, il medico può farvi ricorso nel rispetto del decoro e della dignità della professione.

Inoltre, e questo è l'aspetto centrale della questione, il medico non deve sottrarre la persona assistita a trattamenti scientificamente fondati e di comprovata efficacia per di più in un contesto di totale asimmetria informativa: il medico ha l'obbligo di capire tempestivamente quando sia il caso di interrompere i metodi non convenzionali eventualmente adottati e di ricorrere tempestivamente agli strumenti della medicina ufficiale, in modo da garantire al paziente le più idonee condizioni di sicurezza ed efficacia della cura.

Anche l'art. 13, a tal proposito, è molto chiaro: il medico non adotta né diffonde pratiche diagnostiche o terapeutiche delle quali non è resa disponibile idonea documentazione scientifica e clinica, valutabile dalla comunità professionale e dall'autorità competente. E ancora il medico non deve adottare né diffondere terapie segrete"

La Mereu, in Rete, è molto famosa. Ha un sito personale dove vengono testimoniate le presunte guarigioni con una pagina dedicata proprio a quella che viene definita Terapia Verbale che così viene spiegata: "Assistere le persone che stanno male col criterio di poter dare un significato umano alla medicina che nella sua veste ufficiale e secondo un criterio meccanicistico non considera che la causa del malessere deve essere vista in maniera olistica e a 360° e ricercata prima di tutto nel problema emozionale che crea un terreno malato.

A tale fine rileva lo stesso linguaggio del malato come esprime i suoi sintomi per poterlo contestualizzare nella storia che gli appartiene e che lo ha fatto ammalare".

Anche le Iene erano andate sulle tracce della Mereu che, però, non si era fatta convincere continuando a diffondere le sue tesi tra Youtube e i numerosi seminari di medicina alternativa che tiene.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Hugh Jackman, quinto intervento per un tumore al naso

E l'attore australiano ribadisce l'importanza dell'uso di creme solari

5 libri per il mese della prevenzione del tumore al seno

#iofaccioprevenzione: ad ottobre regalatevi anche una buona lettura

Commenti