Barbara Massaro

-

Impettito, sorridente, col doppio mento e la chioma bionda. Viene ritratto così Donald Trump sulla copertina della rivista satirica Charlie Hebdo della prossima settimana. Un Trump con accanto una donna, forse Melania, tenuta sospesa, sedere per aria, dalla mano vorace del tycoon che non ha mai nascosto il suo maschilismo e la sua misoginia. Una copertina forte come tutte quelle di Hebdo che, questa volta, si chiede: "Affidereste a lui il pulsante per far partire il nucleare?".

La risposta è sì visto che gli americani lo hanno eletto nonostante quello che scrive il magazine francese nella didascalia apparsa sulla pagina Facebook ufficiale del giornale: "Questa settimana, Donald Trump, il candidato repubblicano irresistibilmente razzista, misogino, omofobo, islamofobo, intellettualofobo, latinofobo (e molto altro ancora), è diventato il 45° Presidente degli Stati Uniti. Charlie immagina un nuovo D-Day per i nostri amici americani anti-Trump: Kim Kardashian e compagnia sbarcano in Francia per fuggire dall'onda bionda".

Succederà davvero?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Riesplode la rabbia islamica contro Charlie Hebdo

Dalla Cecenia al Pakistan, dal Niger fino all'Algeria: i fondamentalisti all'attacco nei Paesi musulmani

Charlie Hebdo sospende le pubblicazioni

Il settimanale satirico non sarà in edicola nelle prossime settimane: la redazione ha bisogno di riposo

Charlie Hebdo, si ricomincia!

"C'est reparti!" è il titolo di prima pagina del nuovo numero del settimanale satirico francese, che sarà in edicola da mercoledì 25 febbraio

Francia: dopo Charlie Hebdo, i musulmani "mollano" la sinistra

Le prime analisi dopo le amministrative vinte dal centro-destra indicano uno spostamento del voto degli islamici d'oltralpe andati alle urne

Charlie Hebdo: si rifà viva la moglie di Coulibaly

Hayat Boumedienne, vedova del terrorista, avrebbe telefonato in Francia alla famiglia domenica scorsa confermando di essersi aggregata all'Isis

Charlie Hebdo nella bufera per alcune vignette sul piccolo Aylan

Lanciato l'hashtag #JeNeSuisPasCharlie dopo la pubblicazione di una serie di caricature sulla morte del piccolo migrante turco

Charlie Hebdo, commemorazioni (e polemiche) un anno dopo

Parigi ricorda le vittime sui luoghi della strage del 7 gennaio 2015. E una nuova copertina che fa arrabbiare cattolici e musulmani

Pioggia di critiche a Charlie Hebdo per una nuova vignetta su Aylan

"Fosse diventato grande, sarebbe potuto diventare uno dei molestatori di Colonia": il settimanale torna a far discutere per la satira sul piccolo curdo

La copertina di Charlie Hebdo sulla strage di Bruxelles

Il settimanale satirico disegna il cantante Stromae che canta "Papà, dove sei?". Alle sue spalle la bandiera belga e pezzi di corpo che rispondono

Charlie Hebdo, ancora minacce alla redazione

La procura di Parigi apre un fascicolo per "minacce di morte" dopo alcuni messaggi minatori lasciati sulla pagina Facebook del giornale satirico

Amatrice contro Charlie Hebdo: il Comune querela il settimanale francese

Dopo la vignetta satirica sul terremoto in Centro Italia la polemica arriva sul tavolo della Procura del Tribunale di Rieti

Commenti