Calendario Lavazza 2015 dalla parte dei difensori della Terra

Si chiama "Earth Defenders" il reportage in 12 scatti di Steve McCurry in vendita al Salone del Gusto di Torino

12. Future in our hands

Future in Our Hands: uno degli scatti del Calendario Lavazza 2015 di Steve McCurry che ritrae i bambini della comunità di Kirua in Tanzania che gioiosi gettano al vento colorati semi di caffé – Credits: Ufficio Stampa

Barbara Pepi

-

Da Nadia, orgogliosa paladina dell’olio di argan in Marocco, a John, guardiano delle zucche di Lare in Kenya. Da Anna, che si batte per la qualità del cuscus di miglio salato sull’Isola di Fadiouth, in Senegal, fino ad Asnakech, sentinella a guardia delle piantagioni di caffè in Etiopia. Sono le immagini custodite all'interno del "Calendario Lavazza 2015" realizzato in collaborazione con Slow Food e firmato dal fotografo americano Steve McCurry, con direzione creativa di Armando Testa.

Più che un calendario si tratta di un reportage, di un viaggio fotografico nelle storie di quotidiano eroismo di quelli che vengono qui definiti gli Earth Defenders: donne e uomini che ogni giorno con coraggio, orgoglio e dedizione difendono i propri progetti in Africa.

Lavazza e Slow Food, con questo calendario benefico, si schierano dalla parte di tutti i Difensori della Terra e delle tradizioni alimentari come simboli di speranza per le comunità locali e portavoce di uno sviluppo possibile per un futuro migliore. 

 

Gli scatti sono in mostra al Salone del Gusto e Terra Madre 2014 (Torino, 23-27 ottobre) e per la prima volta il Calendario Lavazza 2015 è in vendita in edizione limitata a sostegno del progetto "10.000 orti in Africa". Il ricavato della vendita del Calendario in edizione limitata e della call-to-action sul sito Calendar2015.lavazza.com sarà interamente devoluto al progetto di Slow Food, che si propone di realizzare entro il 2016 diecimila orti nelle scuole e nei villaggi africani. 

Dagli Earth Defenders africani parte l’appello a tutti coloro che condividono i principi e i valori di sostenibilità alimentare promossi dalle due aziende italiane. 

© Riproduzione Riservata

Commenti