Life

"Bamboccioni" fino a 40 anni: ecco perché

Una riceca stima che, nel 2020, un giovane di 20 anni ne impiegherà 18 per costruirsi una vita autonoma. Nel 2004 ne impiegava 10...

agenzia-lavoro

Redazione

-

Nel 2004 un giovane di 20 anni impiegava circa 10 anni per costruirsi una vita autonoma: nel 2020 ne impiegherà 18 e nel 2030 addirittura 28.

Se quindi nei prossimi anni un ragazzo diventerà "grande" a quasi 40 anni, tra tredici anni lo sarà a 50.

E' quanto emerge dal rapporto 2017 della Fondazione Bruno Visentini, presentato oggi all'Università Luiss.

La ricerca ha compiuto un'analisi comparata delle principali esperienze italiane ed europee in tema di riduzione del divario generazionale, attraverso uno specifico indicatore di divario: nell'indice europeo di equità intergenerazionale l'Italia è al penultimo posto, seguita dalla Grecia.

I giovani italiani risultano quindi più svantaggiati e se nel 2004 un ragazzo di 20 anni per raggiungere l'indipendenza doveva scavalcare un "muro" di un metro, nel 2030 quel muro sarà alto tre metri e dunque invalicabile.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Choosy, bamboccioni, sfigati: i giovani secondo la politica

Da Elsa Fornero a Padoa Schioppa, Brunetta e Martone: ecco i politici che hanno etichettato i giovani italiani

Bamboccioni: e se la colpa non fosse loro?

Le statistiche certificano che i nati dopo il 1970 devono fare i conti con un ridotto potere di acquisto e prospettive sempre più negative

Bamboccioni da Oscar

I più belli di Hollywood in nomination per il riconoscimento di miglior “bamboccione”. Ecco i candidati

Gli italiani sono tra i più "bamboccioni" d'Europa

Il 67,3% degli under 34 vive ancora con mamma e papà

Commenti