Barbara Massaro

-

Arriva dai quattro angoli del pianeta la solidarietà alla Russia che oggi piange almeno 9 persone vittime dell'attentato alla metropolitana di San Pietroburgo.

La reazione social

Come sempre in prima linea come luogo dell'eco popolare dei fatti di cronaca ci sono i social network. E' su Twitter, Facebook e Instagram che sono stati postati i primi video amatoriali con le immagini che arrivavano dalla metropolitana blu di San Pietroburgo dove è avvenuta la detonazione degli ordigni.

LEGGI ANCHE: Bombe alla metropolitana di San Pietroburgo

LEGGI ANCHE: Attentato a San Pietroburgo: la pista islamista

E sempre i social in queste ore sono cassa di risonanza delle condoglianze del mondo intero. Bianco, blu e rosso, i colori della bandiera russa, dominano i profili di milioni di utenti che si stringono in preghiera intorno alle famiglie delle vittime e ai superstiti di questa ennesima tragedia frutto della follia umana. #PrayforStPeterburg per tutto il giorno è stato l'hashtag aggregatore delle immagini con il ponte simbolo della città, foto delle piazze e incoraggiamenti a non farsi fermare dai professionisti del terrore.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

San Pietroburgo: bomba in metropolitana. Morti e feriti | video

San Pietroburgo: la carrozza della metropolitana distrutta dalla bomba | video

San Pietroburgo: morti e feriti per bomba alla metropolitana | video

Attentato di San Pietroburgo, arrestato presunto addestratore del kamikaze

Abror Azimov Akhralovic, di origine centroasiatica, 27 anni, è la nona persona fermata nell'ambito dell'inchiesta sull'attentato - FOTO e VIDEO

Attentato a San Pietroburgo: la pista islamista

Ancora nessuna rivendicazione, ma sono tanti gli elementi che rendono alta la probabilità di un legame con la jihad

Commenti