Barbara Massaro

-

"Vi spiegheremo come il talento possa mettersi in relazione con il business". E' quello che si legge sulla pagina web dell'Università di Harvard nello spazio dedicato al Business of Sport, Media and Entertainment Course, il master rivolto a personaggi del mondo dello sport, della musica e dello spettacolo che vogliano apprendere l'arte di trasformare se stessi in un brand e ricavarne denaro.

L'arte di brandizzarsi

La sessione 2017 si è appena conclusa e quest'anno ad ascoltare i consigli e le lezioni della Professoressa Anita Elberse c'erano, tra gli altri, il difensore del Barcellona Gerard Piquè a Boston con la moglie Shakira, l'attrice Katie Holmes, il rapper LL Cool J, C.J. McCollum dei Portland Trail Blazers (basket Nba) e il campione irlandese del rugby Jamie Heaslip

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni sale in cattedra ad Harvard

LEGGI ANCHE: Nente sesso, siamo ad Harvard

Soprattutto per gli sportivi il master è un'occasione per impostare un "dopo" nella propria carriera. Quando infatti si è troppo vecchi per giocare, ma troppo giovani per andare in pensione molti campioni si trovano di fronte a un baratro e non tutti hanno la capacità, come ad esempio l'ha avuta David Beckham di brandizzarsi con successo. Proprio l'esempio di David e Victoria Beckham è uno di quelli presi a modello nel corso delle lezioni che si svolgono d'estate quando l'Ateneo si svuota e gli studenti sono in vacanza.

E' in quel momento che, per una settimana, celebrity di ogni ordine e grado fanno il proprio ingresso sui banchi di scuola e cercano di capire come poter capitalizzare il proprio nome.

I contenuti del master

Uno dei primi elementi che vengono analizzati è il ruolo dei social network e del marketing digitale nello sviluppo del business.

Viene valutato l'impatto del digital sulla creazione di un nome e come trarne vantaggio e viene spiegato come diventare leader nell'industria dell'entertainment sfruttando il proprio talento.

LEGGI ANCHE: Beyoncé è materia di studio ad Harvard

Essere parte del mondo dell'intrattenimento non implica necessariamente il fatto di essere capaci di sviluppare efficaci strategie di business e non sempre il talento è direttamente proporzionale al successo e al guadagno.

Beyoncé, ad esempio, è un'artista dal talento consolidato, ma a trasformarla in Queen Bey è stata la sua capacità di monetizzare in maniera efficace quel talento trasformandolo in business.

Gli studenti celebri

Il corso dura solo una settimana e costa 10.000 dollari. Dal 2014, quando ci fu la prima edizione, ad oggi hanno partecipato alle lezioni tanti nomi noti tra i quali l’attore Channing TatumPau Gasol giocatore di basket dei Chicago Bulls e San Antonio Spurs, la modella Karlie Kloss e la tennista Maria Sharapova.

A proposito dei suoi alunni vip la professoressa Elberse ha detto: "Le star dello spettacolo e dello sport non sono abituate a sentirsi dire cosa devono fare, dove sbagliano. Alliinizio è dura. Ma noi cerchiamo di trattarli come gli altri studenti. Quando si iscrivono, io li chiamo prima uno per uno e spiego le regole: devono mangiare a mensa con gli altri alunni della loro classe e dormire nei dormitori di Harvard".

Sono parecchi coloro che dietro questi corsi vedono solo la possibilità di far cassa e spillare un po' di soldi ai vip, ma chi ha partecipato, come il rugbista Jamie Heaslip, giura che funzionano: "Ho imparato a valorizzare il rugby e a portarlo in giro per il mondo", ha detto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Zuckerberg come Gates: laurea ad honorem ad Harvard - VIDEO

Il 25 maggio l'Università gli assegnerà il titolo. In un video un divertente sketch con il fondatore di Microsoft che gli spiega cosa accadrà

Chiara Ferragni sale in cattedra ad Harvard

La blogger terrà una lezione di marketing presso il famoso ateneo di Boston

Beyoncé è "materia" di studio ad Harvard

Il lancio del suo ultimo album è ritenuto un caso di non marketing da manuale

Commenti