Barbara Massaro

-

Tutto era luccicante e fiorito in un'ambientazione da favola della buonanotte per aspiranti principesse russe in erba, tra alberi incantanti (vinti) e migliaia di fiori (veri).

Due milioni di euro è la cifra spesa per il matrimonio tra Sargis Karapetyana e Salome Kinturashvili. Lui è figlio di un magnate armeno, il ventottesimo uomo più ricco della Russia con un patrimonio stimato di 4 miliardi di dollari ottenuti grazie a 33 shopping center e otto hotel di lusso sparsi nel Paese; lei, 25 anni, è la fortunata che è riuscita a farsi impalmare dal rampollo di buona famiglia.

Sargis e Salome si sono sposati al Safta, uno dei più famosi ristoranti di Mosca, e la band chiamata a intrattenere gli ospiti era niente di meno se non i Maroon 5 di Adam Levine.

Tre i cambi d'abito della sposa: uno dei tre vestiti, candido, era un tributo alla tradizione armena, gli altri due erano un tripudio di brillanti, pietre prezione e quanto di più sfarzoso e kitsch immaginazione russa possa prevedere. Salome indossava gioielli Tiffany per un valore di 200.000 dollari e tutta l'atmosfera era resa fiabesca da luci rosa e migliaia di fiori a trasformare l'allestimento in un giardino incantato.

500 gli invitati e molti gli ospiti vip chiamati a esibirsi sul palco. La torta, a nove livelli, era coperta di fiori e alta almeno due metri e, alle pareti della sala, immersa in un bagliore rosa viola, le gigantografie in bianco e nero della coppia.

Di certo non si può definire un modello di eleganza e classe e le wedding planner nostrane avrebbero qualcosa da ridire, ma se esistesse un Oscar per il matrimonio più kitsch e stravangante del mondo andrebbe di certo a quello tra Sargis e Salome.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La prima cosa che sente è la proposta di matrimonio

Un grosso grasso matrimonio greco a Idomeni

Nel campo-simbolo al confine con la Macedonia, c'è chi riesce anche a coronare il suo sogno d'amore

Commenti