Acqua Eva tossica
Twitter
Acqua Eva tossica
Società

Le web bufale della settimana - Ep. 79

Le notizie più assurde apparse in Rete negli ultimi 7 giorni

1. I profili di Facebook controllati

Facebook Schermate del social network - 8 maggio 2017 Carl Court/Getty Images

Si intitola "Avviso di protezione" l'ennesima bufala che circola in Rete. Si tratta di un presunto avviso che Facebook ti manderebbe in caso tu condividessi foto di altri utenti senza autorizzazione.

Una nota che minaccia il blocco dell'account e provvedimenti disciplinari da parte del social network. In realtà si tratta di una bufala e la pagina segnalata è solo una page pishing che punta alla sottrazione dei dati personali. Attenzione.

2. Acqua Eva tossica

Acqua Eva tossica Acqua Eva tossica Twitter

Ieri è diventata virale una catena di Sant'Antonio che circolava sul web circa la presunta tossicità dell'acqua minerale Eva. Si trattava di un Whatsapp partito da Locri che avvertiva di non bere l'acqua Eva in quanto un bambino era stato male.

La bufala è diventata virale in poche ore tanto che il sito dell'azienda che produce acqua minerale è dovuto correre ai ripari ed è stato diffuso un comunicato stampa in cui si precisava: "La Società Fonti Alta Valle Po ha recentemente appreso che sulla rete internet e tramite l’applicazione telefonica WhatsApp è stata data diffusione alla notizia secondo cui l’Acqua Eva sarebbe prodotto pericoloso per la salute dei consumatori. Trattasi di affermazioni destituite di qualunque fondamento, che originano da un fatto di cronaca locale avvenuto in Locri, associato suggestivamente e senza alcuna ragione, dagli ignoti autori della bufala, al consumo di Acqua Eva".

3. Teste di cane per la cucina cinese

Hong Kong, 30 Settembre 2012. Una ragazza tocca una lanterna in un ristorante all'aperto durante la festa cinese di metà autunno.

AP Photo/Vincent Yu

Tra i grandi classici delle bufale ever green c'è quella che vorrebbe diffondere l'ennesima verità "Che i media non dicono". Si tratta di una presunta norma (di cui manca sempre cenno o riscontro ufficiale) approvata su spinta della comunità cinese (Quale? Dove? Chi? Quando?) per dare il via libera all'import di teste di cane da utilizzare per la cucina cinese. Come sempre il post bufala (che questa settimana ha avuto migliaia di condivisione nella sua ennesima declinazione) si chiude con l'invito all'alzata di scudi per difendere le nostre tradizioni contro le barbarie dello straniero invasore. Italiani tranquilli. Nessuna testa di cane morto verrà utilizzata nella nostra ristorazione.

4. Il bambino tatuato

Il bimbo tatuato dell'artista Jason Clay Lewis Il bimbo tatuato dell'artista Jason Clay Lewis Foto da video

Questa foto circola in Rete da tempo accompagnata dalla solita dida scandalo che narra di una madre (ogni volta il nome è diverso) che in un posto qualunque del mondo ha fatto tatuare il figlio di 8 mesi spiegando che così sarebbe stato più carino. Purtroppo ciclicamente la bufala ritorna e ogni volta bisogna precisare che nessuno oserebbe tatuare un bebè: non è possibile farlo, è immorale, illegale e contro le leggi di natura. Il bambino della foto è un bambolotto molto realistico che fa parte di un'installazione dell'artista Jason Clay Lewis.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti