Le web bufale della settimana - Ep. 71
(Photo credit should read RONALDO SCHEMIDT/AFP/Getty Images)
Le web bufale della settimana - Ep. 71
Società

Le web bufale della settimana - Ep. 71

Le notizie più assurde comparse in Rete negli ultimi 7 giorni

1. Arriva una nuova era glaciale

Ecco Jokulsarlon, in Islanda. E' una spiaggia nera, che si trova presso un lago glaciale dove si possono trovare numerosi cristalli, che creano un effetto unico Imageplotter/Alamy

Una nuova era glaciale sarebbe in arrivo. E non si tratterebbe del quinto episodio della fortunata serie animata, ma di un consistente raffreddamento della superficie terrestre atteso per il 2030.

Prima di indossare cappotti e stivali, però, è il caso di prendere la notizia con le pinze. Si tratta, infatti, di un falso allarme dovuto al fraintendimento di una ricerca sui cicli dell'attività solare condotta da Valentina Zharkova della Northumbria University e pubblicata su una rivista specializzata di astrofisica.

Secondo la studiosa nel 2030 il sole avrà il suo picco minimo d'attività undecennale con un calo del 60%. Questo dato, fuor di contesto, aveva fatto supporre un raffreddamento del 60% della superficie terreste cosa che, non solo comporterebbe una glaciazione, ma la fine della stessa vita. In realtà non è così. Il calo ciclico delle attività del sole non corrisponde ad una proporzionale incapacità di scaldare la Terra, ma comporta altri fattori oggetto di studio da parte degli scienziati. Nessun allarme, dunque, l'era glaciale è ancora lontana.

2. L'eredità del patron della birra Corona

Corona (Photo credit should read RONALDO SCHEMIDT/AFP/Getty Images)

Su numerose bacheche Facebook in settimana erano apparsi link che riportavano alla notizia secondo cui Antonino Fernandez, patron messicano della birra Corona, alla sua morte, avrebbe lasciato l'intero capitale della sua eredità al paese di Cerezales dove era nato 99 anni fa.

Si sarebbe trattato di una fortuna pari a 198 milioni di euro donati all'amministrazione locale. La smentita, però, è arrivata dallo stesso alcalde, sindaco, che ha fatto sapere: "Dal Messico non si era mai dimenticato del suo pueblo natale. Attraverso una fondazione ha continuato a finanziare progetti di sviluppo a Cerezales del Contado, asfaltando le strade del villaggio, o finanziando la costruzione della chiesa e del cimitero. Ci ha dato abbastanza durante la sua vita. Ha lasciato i soldi ai suoi familiari, e molti vivono qui. Fra cugini, di primo, secondo e terzo grado, nipoti e bisnipoti, sono una cinquantina". In pratica, quasi tutto il villaggio che conta 80 anime.

3. Il cucciolo pignorato

13 febbraio 2013. Un cucciolo di cane randagio salvato dalla signora Rosa Zetino, che l'ha preso con sé nella sua casa di Città del Guatemala. Zetino salva cani abbandonati e maltrattati dalla strada e dà loro assistenza medica e cibo, cercando famiglie adottive che possano prendersi cura di loro.

JOHAN ORDONEZ/AFP/Getty Images

Circolano notizie talmente assurde che sembra impossibile qualcuno ci caschi. Eppure è così. Su Facebook circolava una notizia da copincollare che narrava la storia di un signore barese cui Equitalia avrebbe pignorato il cane per poi sopprimerlo. La news gridava allo scandalo e invitava tutti a diffondere la notizia perchè tutto il mondo sapesse. In realtà si tratta di una classica bufala herpes che ciclicamente, solo con poche sfumature, torna sui social con tutto il suo carico di indignazione pubblica attira clic.

4. Via gli Invalsi dalla scuola

Un momento del corteo di alcuni studenti delle scuole superiori e di insegnanti aderenti al sindacato Cobas per boicottare i test Invalsi, 13 maggio 2014 a Napoli. ANSA / CIRO FUSCO

Il 20 novembre il sito Oggi Scuola ha riportato la notizia della soppressione a partire dal prossimo 15 gennaio dei test Invalsi, uno dei maggiori spauracchi degli studenti di ogni latitudine ed età. Secondo la notizia, inoltre, anche i voti sarebbero stati soppressi a favore di giudizi più morbidi e meno "traumatici" sull'operato degli studenti. La notizia è falsa e per eliminare ogni dubbio basta guardare il sito del MIUR dove non esiste alcun accenno alla presunta notizia.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti