Società

Jfk: da Jackie a Marilyn, tutte le donne del presidente

A John Kennedy non bastava avere la donna più desiderata del Pianeta. Lui le voleva tutte

Il presidente Kennedy ucciso 50 anni fa il 22 novembre del 1963 a Dallas era stato tanto forte da affrontare crisi come quelle che coinvolsero il Vietnam e Cuba, ma così debole da non riuscire ad essere mai fedele alla sua donna. Il suo biografo Larry Sabato, nel libro appena pubblicato Kennedy mezzo secolo dopo: la presidenza l’omicidio, l’eredità di Jfk afferma tranquillamente che “a guidare il presidente era un appetito sessuale irrefrenabile.

Perché lui poteva essere attento e rispettoso delle signore con potere ed influenza politica, guardava all’altra metà del cielo come pilastro di forza e sostegno per le sue ambizioni politiche o come semplici giocattoli per scorribande intime”.

Insomma l’uomo più potente d’America viveva seguito passo passo nelle sue relazioni extraconiugali non solo dagli agenti del Secret Service ma dallo stesso storico direttore dell’Fbi Edgar Hoover, che regolarmente informava il fratello Bobby quando la situazione diveniva troppo rischiosa. E così, tra party di mezzogiorno in piscina, nuotate e banchetti notturni, si è consumata la vita e la morte del presidente Kennedy: come Bill Clinton imparerà poi a sue spese, e come lui altri capi di Stato e di governo d’oggi, la vita sessuale dei “potenti” resta privata finché non diventa pubblica.

Getty

A John Kennedy non bastava avere al suo fianco una delle donne più desiderate al mondo. Lui le voleva tutte. Ma solo per venti minuti alla volta. Aveva incominciato a desiderare veramente la moglie solo dopo la loro visita di Stato a Parigi nel 1961 quando Jackie divenne una vera e propria star internazionale e un giornalista scrisse che lei "era una notizia 24 ore al giorno". 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti