Gossip

Un batterio fa chiudere l'ospedale dove deve nascere il royal baby

Al St. Mary Hospital tutto è pronto per l'arrivo del figlio di William e Kate, ma l'ala dove è attesa la Duchessa è stata chiusa per un'infezione

Preparations At The Lindo Wing Ahead Of The Birth Of The Duke And Duchess Of Cambridge's Second Child

Barbara Massaro

-

Un super batterio potrebbe costringere il royal baby numero due a nascere in un luogo diverso dal St. Mary Hospital, la clinica londinese dove sono venuti al mondo il principe George e prima di lui William, Harry e tanti altri.

Pare, infatti, che in una delle corsie private dove era attesa la Duchessa di Cambridge in procinto di far nascere il bimbo che lei e tutta l'Inghilterra aspettano si sia diffuso un super batterio che ha contagiato diverse persone.

Si tratta del carbapenemasi e, per debellare l'infezione, l'intera area è stata chiusa e sigillata in attesa di disinfestazione. Dovrebbe riaprire ai primi giorni della prossima settimana, troppo tardi per un royal baby già in ritardo di qualche giorno. Il secondo figlio di William e Kate, infatti, sarebbe dovuto venire al mondo, così dicono i ben informati, lo scorso giovedì. Secondo altri il D-Day sarebbe stato sabato, per altri ancora non oltre domenica.

Fatto sta che al momento del royal baby non c'è traccia. L'aplomb britannico della famiglia reale non fa trasparire agitazione o preoccupazione. Tutto prosegue come sempre, tra eventi benefici ed inaugurazioni varie in attesa del primo royal vagito.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Buon compleanno George: il royal baby compie 1 anno

Dodici foto per i dodici mesi del primo figlio di William e Kate - Il principe di Cambridge icona fashion

Il nome del royal baby te lo dice il Welsh Corgi

In Inghilterra una simpatica corsa tra i cani preferiti dalla Regina ha stabilito che il secondo figlio di William e Kate si chiamerà...

Royal Baby: manca solo lui (o lei)

Tutto è pronto a Londra per la nascita del secondo figlio di William e Kate, e se non fosse una femminuccia...

Commenti