Gianni Sperti torna sui banchi di scuola

Al ballerino e opinionista della trasmissione Uomini e Donne piace l'idea di avere una via di fuga dal luccichio del mondo televisivo

Il ballerino e opinionista di Uomini e Donne Gianni Sperti

Alessia Sironi

-

 Gianni Sperti non solo è tornato, come di consueto, a fare l’opinionista del famoso “salotto reale” di Maria De Filippi. Ma si è anche rimesso a studiare: “Sì, perché troppo tardi ti rendi conto che quel famoso pezzo di carta non è solo un inutile pezzo di carta. E così, a 40 anni suonati, ho deciso che era ora di rimettermi in gioco: l’anno prossimo mi diplomo e poi mi iscrivo a economia e commercio. Sono uno con i piedi per terra e sento il bisogno di avere una via di fuga dal mondo dei lustrini”.

A Gianni infatti manca l’ultimo anno delle scuole superiori per diventare ragioniere: una scuola che ha mollato di colpo per seguire a tempo pieno la sua passione per la danza. “A quell’età è importante avere quattro soldi per poter uscire con gli amici”, spiega il ballerino, “io non ne avevo e ho deciso che preferivo guadagnare del denaro e avere la mia indipendenza piuttosto che continuare a studiare. Scelta giusta o sbagliata non saprei, ma intanto, ora che posso, mi rimetto sui banchi”. E gli studenti non si spiegano come mai tanto entusiasmo di riprendere a studiare. C’è da dire che il ballerino ha ammesso di essere un vero secchione.

Cosa ne pensi di questa giovane generazione con cui hai a che fare spesso tra compagni di scuola e tronisti in televisione?

“Non è mia abitudine fare di tutta l’erba un fascio, ma la maggior parte dei giovani di oggi non ha niente da dire e soprattutto ha poca grinta: sono talmente impegnati ad occuparsi di loro stessi e di farlo attraverso i social network e i loro smartphone che ormai non sanno più socializzare, non hanno più nessuna capacità di interagire gli uni con gli altri. Mi sembra che molti giovani siano un po’ vuoti, sia di pensieri che di valori”.

Forse è per questo motivo che Uomini e Donne in versione Over piace di più?

“Certo. Sono più intraprendenti, più socievoli, più grintosi. Insomma è gente che rischia e osa. Gli Over hanno sempre dovuto lottare per raggiungere degli obiettivi e quando vogliono qualcosa se la devono sudare. In loro percepisci il desiderio di mettersi in gioco e di conoscere veramente quello che hanno di fronte. A loro, o almeno non a tutti, non interessa una donna per un’avventura di una notte. Sai io sono “terrone” e fiero di esserlo: mi piace ancora assistere al corteggiamento alla vecchia maniera e con i giovani tutto questo è più difficile”.

Però in comune coi “giovani” hai la passione per i social network.

“Sì, mi piacciono molto perché mi permettono di comunicare con tutti e di mostrare quello che sono realmente. Twitter però lo trovo un po’ troppo modaiolo per i miei gusti mentre Instagram è perfetto per modificare le fotografie che poi posto sul mio profilo Facebook”.

Quali sono le applicazioni che utilizzi più frequentemente?

“Utilizzo spesso App come Youtube e Shazam per il mio lavoro e poi Burraco per rilassarmi e divertirmi un po’. E GoogleMaps invece per avere sempre a portata di mano ciò che più mi serve”.

© Riproduzione Riservata

Commenti