Sara Tommasi resta in clinica: chiuso il profilo Facebook

"L’abbiamo chiuso finché Sara non starà meglio e avrà finito il suo percorso riabilitativo" dice l'amica

Sara Tommasi

“Annuncio che la pagina di Sara è stata nuovamente chiusa per suo volere” scrive un'amica – Credits: (Getty Images)

Francesco Canino

-

Tanto tuonò che piovve. Dopo i falsi post dei giorni scorsi, la pagina Facebook di Sara Tommasi è stata definitivamente chiusa. Notizia della serie ‘mai più senza’ che sconfina nel serio, visto che di mezzo c’è la salute psico-fisica della show girl prestata (resta da capire quanto di sua volontà) al porno. “Annuncio che la pagina di Sara è stata nuovamente chiusa per suo volere” scrive la giornalista Gabriella Sassone, una delle poche amiche rimaste vicine alla Tommasi, che aveva chiesto con forza la chiusura del profilo hackerato.

L’HACKER CHIEDE SCUSA. Mentre i post sfrontati – per usare un eufemismo - contro i rapper Guè Pequegno, Fedez, Emis Killa e via dicendo facevano il giro del web, Gabriella Sassone rivelava che gli status erano scritti da un hacker. “Sara in questo momento non è nelle condizioni di scrivere quelle cose” raccontava ieri a Panorama.it il giornalista Nicola Santini. Poche ore dopo ecco arrivare le scuse dell’hacker: “Ciao sono il tipo che si è impossessato della pagina di Sara mi scuso: mi sembra chiaro fosse solo uno scherzo, non ci conosciamo non ci siam mai visti e Sara è in una clinica…stiam cercando di contattarla in qualche modo per scusarci e restituire la pagina”. Un’incursione al limite del penale, che di scherzoso non aveva proprio nulla e che aggiunge altro squallore ad una vicenda dai contorni surreali.

LA RIABILITAZIONE DI SARA. “Il fedifrago ha restituito l’account e noi, d’accordo con Sara, l’abbiamo chiuso finché Sara non starà meglio e avrà finito il suo percorso riabilitativo” precisa Gabriella Sassone su Facebook. “Sara ha bisogno di alcuni mesi di riposo e tranquillità in un posto lontano da tutto e tutti: non avrà a disposizione né telefonino né computer dunque spero che nessuno pubblichi più cavolate su di lei in questo periodo”.

PARTONO LE QUERELE. A difendere la figlia scende in campo Cinzia Cascianelli, la mamma della Tommasi, pronta a querelare chi d’ora in avanti diffonderà notizie false e prive di fondamento. “Sara può migliorare e cambiare testa una volta per tutte solo se non avrà più un palcoscenico su cui comparire – scrive la Sassone – Ogni tipo di articolo e pubblicità per lei è solo deleterio: il silenzio stampa non può che farle bene”. Ma quanto durerà il silenzio su questa vicenda? 

© Riproduzione Riservata

Commenti