George Alexander Louis: ecco il nome del Royal Baby

Dopo la visita a Kensington Palace della Regina Elisabetta è stato diffuso il nome del bimbo di Kate e William - Sarà un Re tormentato e amatissimo

Barbara Pepi

-

"Che bambinone!" Pare essere stata questa la prima frase pronunciata dalla Regina Elisabetta alla vista del pronipote, quel Royal Baby al quale la Sovrana in persona ha dato l'assenso per la diffusione del nome.

Si chiamerà George Alexander Louis, Sua Altezza Reale Principe George di Cambridge. L'ignaro infante un giorno diventerà Re, Re Giorgio VII e guiderà l'Inghileterra.

Il numero 6 era il padre della Regina Elisabetta, morto nel 1952 per infarto forse causato dal tumore maligno che, comunque, lo avrebbe portato via da lì a poco.

Re Giorgio VI fu un sovrano molto amato dal popolo inglese (è lui, per intenderci, il protagonista del film premio Oscar "Il discorso del Re"). Fase centrale del suo regno che durò poco più di 20 anni fu la seconda guerra mondiale.

Durante tutto il conflitto, e in modo particolare durante il difficile periodo dei bombardamenti su Londra, seppe conquistare la stima e l’affetto dei suoi sudditi, rimanendo sempre saldamente al suo posto e rifiutando ogni fuga, contribuendo anzi, con i suoi discorsi radiofonici, a tenere alto il morale del Paese durante la resistenza all'attacco subito dalla Germania nazista. La precoce morte, nel 1952, portò al trono la Regina Elisabetta.

La scelta del nome del Royal Baby quindi si inscrive nella tradizione di casa Windsor e prelude a un sovrano saggio e popolare che sappia guidare, a tempo debito, la nazione del futuro.

Dopo aver trascorso la notte a Kensington Palace e aver ricevuto la visita, oltre che della Regina anche dei neo zii Harry e Pippa, ora William Kate e il piccolo George sono partiti alla volta del Berkshire dove c'è la residenza dei genitori della Duchessa e dove la neo mamma si farà sostenere da sua madre Carole nelle prime difficili settimane di vita di un bebè: sovrano o meno che sia. 

© Riproduzione Riservata

Commenti